Sequestrate circa 500 munizioni, denunciati padre e figlio

Durante un posto di blocco, rinvenuto in auto un bossolo di pistola calibro 38 esploso che ha insospettito i militari dell’Arma

SAN LUCIDO (CS) – Nell’ambito delle attività di prevenzione e repressione del porto abusivo di strumenti idonei ad offendere, i carabinieri della compagnia di Paola hanno denunciato padre e figlio di San Lucido, rispettivamente di 64 e 32 anni, per il reato di detenzione abusiva di munizionamento. I militari dell’Aliquota Radiomobile, impegnati in attività di controllo alla circolazione stradale, hanno sottoposto a perquisizione personale e veicolare il 32enne. All’interno di un vano porta oggetti è stato rinvenuto un bossolo di pistola cal. 38 esploso, circostanza che ha destato non poco sospetto. Le attività di ricerca estese, quindi, anche all’abitazione in uso al ragazzo ed al padre, hanno consentito di rinvenire 21 munizioni cal. 270 Winchester; 84 cartucce a palla singola per fucile da caccia; 350 cartucce a pallini di varia pezzatura per fucile da caccia, tutte detenute abusivamente. Il bossolo ed il munizionamento sono stati sottoposti a sequestro.