ASCOLTA RLB LIVE
Search

Controlli a tappeto nelle aree ad alta densità criminale della provincia di Cosenza

Su ottantanove persone identificate quattro sono state denunciate

 

CORIGLIANO CALABRO (CS) – La Polizia di Stato continua nella sua azione di contrasto al fenomeno della criminalità in area ad alta densità criminale dei comuni di Corigliano Calabro e Rossano per attenzionare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, del reato di stalking e dello sfruttamento della prostituzione con controlli straordinari del territorio voluti dal Questore della provincia di Cosenza dr. Giancarlo Conticchio. In particolare nelle ultime ore personale della Polizia di Stato del Commissariato di Rossano unitamente al Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, ha effettuato servizi straordinari di controllo del territorio nei comuni di Corigliano Calabro e Rossano. Durante tali servizi sono stati effettuati otto posti di controllo, identificate 89 persone di cui 18 con precedenti di polizia, 46 sono stati i veicoli controllati, 21 i controlli ai sottoposti gli arresti domiciliari, 5 i verbali al Codice della Strada e 8 perquisizioni personali e domiciliari.
 
 
All’esito di detti servizi straordinari, personale della Polizia Giudiziaria del Commissariato di Rossano, nel Comune di Corigliano ha denunciato C. L. classe ’90 per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio; personale dell’Ufficio PAS del Commissariato di Rossano ha individuato e controllato 4 donne straniere che, con atteggiamenti indecorosi ed indecenti, avevano adescato ed indotto 4 clienti ad intraprendere prestazioni sessuali a pagamento con la conseguente interferenza al regolare svolgimento della circolazione stradale. Le donne straniere e i clienti sono stati sanzionati amministrativamente per una somma di 500 euro per la violazione dell’ordinanza Sindacale del comune di Corigliano. Sempre personale dell’ufficio Anticrimine del Commissariato di Rossano ha inoltre denunciato quattro persone, due uomini classe ’95 e classe ’60 e due donne classe ’57 e classe ’78, residenti nei comuni di Rossano e Corigliano, per atti persecutori. Continuano le attività straordinarie di controllo del territorio, da parte degli uomini del Commissariato di Rossano, per la prevenzione e repressione dei reati.