ASCOLTA RLB LIVE
Search
fenicotteri

Il Cras libera a Tarsia due fenicotteri salvati a Sibari e Fuscaldo, domani toccherà allo scoiattolo (FOTO-AUDIO)

Sono stati chiamati proprio come le località in cui sono stati recuperati, Sibari e Fuscaldo, i due fenicotteri che oggi a Tarsia riprenderanno il volo verso lo stormo di riferimento. Domani in Sila sarà liberato invece, uno scoiattolo nero calabrese

 

TARSIA (CS) – Come ogni anno, la stagione estiva per i collaboratori e i volontari del Centro di Recupero Animali Selvatici di Rende è stata particolarmente impegnativa per i numerosi e continui ricoveri di selvatici. La normale routine comprende pulli caduti dai nidi, cuccioli orfani, uccelli vittime di impatto con mezzi o con fili dell’alta tensione, animali investiti o trovati semplicemente debilitati. Ma quest’anno l’estate è stata veramente “bollente”, non solo per le temperature eccessivamente alte, ma anche per le innumerevoli chiamate e segnalazioni di animali in difficoltà che sono giunte al Cras da tutta la Calabria. E tra questi i due bellissimi fenicotteri recuperati sulle spiagge a Fuscaldo e a Sibari che oggi, dopo essere stati curati, riprenderanno a volare.

Fenicotteri rilasciati nella Riserva Foce del Crati

Fenicotteri rilasciati nella Riserva Foce del Crati

A raccontare questa giornata ai microfoni di Rlb Radioattiva, è la d.ssa naturalista Nicoletta Boldrini, da 23 anni all’interno del Cras di Rende

ASCOLTA L’INTERVISTA

Il Centro recupero animali selvatici di Rende gestito dal CIPR – Comitato Italiano per la Protezione degli Uccelli Rapaci ha soccorso questa estate 258 esemplari vari, con un picco di 16 ricoveri in un solo giorno. Accanto a rondoni, balestrucci, assioli, allocchi, civette, barbagianni, poiane, gheppi, sparvieri e testuggini sono stati ricoverati anche animali con un certo appeal mediatico, come scoiattoli e fenicotteri. Proprio due giovani di fenicottero, trovati rispettivamente sulle spiagge di Fuscaldo e Sibari, hanno attirato la curiosità e l’attenzione ammirata dei turisti presenti che non hanno tardato a condividere sui social la scoperta del giorno, complice quella “Fantasia Flamingo” che sta colorando di rosa l’estate 2017.Cras fenicotteri e scoiattolo (3) Numerose le persone che hanno contattato il CRAS di Rende per segnalare i due ritrovamenti, così che, grazie ai volontari delle Guardie Zoofile dell’Enpa di Rende che hanno effettuato il recupero a Fuscaldo e alla Polizia Provinciale di Cosenza che si è occupata di quello di Sibari – in entrambi i casi sotto lo sguardo incantato dei bagnanti – i due fenicotteri sono stato consegnati al CRAS. Magri, deboli e fortemente stressati sono stati alimentati e curati a dovere, e dopo aver recuperato forza e vitalità, oggi voleranno dalla riserva naturale di Tarsia e della Foce del Crati, e saranno reimmessi in natura.

Anche se gli esemplari rinvenuti sulla costa tirrenica esibivano un piumaggio grigiastro – in quanto giovani – i fenicotteri, splendidi trampolieri di grandi dimensioni, si caratterizzano per l’inconfondibile colore rosa del piumaggio, dovuto  al  betacarotene presente in alcuni degli alimenti di cui si nutrono – crostacei, molluschi, alghe, frammenti di piante acquatiche – cibo che viene filtrato dal becco massiccio, allungato e ricurvo verso il basso, adattato appositamente per separare fango e silice dal cibo che consumano. È un vero spettacolo osservare questi bellissimi uccelli che in colonie numerose si spostano lentamente con le lunghe zampe nel fango muovendo continuamente il capo nell’acqua, esibendosi lungamente in equilibrio su una sola zampa.

Fenicotteri rilasciati nella Riserva Foce del Crati

Fenicotteri rilasciati nella Riserva Foce del Crati

Recuperato e curato anche uno scoiattolo

Ma la campagna di liberazioni del CRAS di Rende prosegue anche domani, mercoledì 13 settembre con la liberazione nel Parco Nazionale della Sila di due poiane, un gheppio e uno scoiattolo. Come i fenicotteri, anche il giovane scoiattolo ha attirato l’attenzione di molti turisti in visita nell’altopiano silano. Il piccolo, molto confidente, dopo un’iniziale periodo di alimentazione con biberon, è passato alla difficile fase di svezzamento con l’inclusione graduale nella dieta di tutti quegli alimenti che gli scoiattoli possono facilmente trovare nel loro habitat naturale.

Cras fenicotteri e scoiattolo (1)

Lo scoiattolo nero calabrese, in seguito a diversi studi scientifici, è da poco stato identificato come specie a sé (Sciurus meridionalis). Più grande e pesante del comune scoiattolo rosso (Sciurus vulgaris), la specie meridionale, che vive in Calabria, in Basilicata, nei boschi di conifere della Sila, del Pollino e della catena costiera, è caratterizzata da una colorazione nera sul dorso e bianca sul ventre. Purtroppo la specie, benché scoperta da poco, risulta essere già a rischio estinzione a causa della riduzione progressiva del suo habitat e per la competizione con specie alloctone o introdotte artificialmente dall’uomo.

Che l’Italia si attesti come il Paese europeo con la maggiore biodiversità – e la ricchezza di biodiversità del territorio silano lo conferma – non può che aumentare il rammarico per i tanti scempi ambientali che quotidianamente vengono perpetrati, a cominciare dalla drammatica piaga degli incendi che proprio nella nostra regione hanno toccato cifre da record, con un patrimonio vegetazionale, faunistico e di habitat andato in fumo che tarderà a ricostituirsi e del quale criminali senza scrupoli ma certamente con molti interessi ci hanno privato irresponsabilmente.