Castrovillari, comitato di quartiere esprime perplessità sull’accoglienza migranti

Il Comitato di Quartiere n. 7, i cittadini ed i residenti nell’area di via E. Moneta, a Castrovillari, esprimono forti perplessità in merito ai risultati della Manifestazione d’Interesse della Prefettura di Cosenza.

CASTROVILLARI (CS) – La Prefettura starebbe selezionando per individuare operatori economici ed organizzazioni a cui affidare la prima accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e la gestione dei servizi connessi. “Al pubblico avviso ha partecipato – scrive in una nota il Comitato di Quartiere n. 7, i cittadini ed i residenti di via Moneta – come si evince dagli elenchi della Prefettura un’organizzazione di Montalto Uffugo che ha candidato la proposta di una struttura di ospitalità per migranti a Castrovillari”.

“Già dai giorni prima della scadenza dell’Avviso, il 22 maggio, i cittadini del Quartiere avevano sollecitato un intervento e dei chiarimenti da parte dell’Amministrazione Comunale e negli incontri che si sono tenuti alla presenza del Sindaco, dell’Assessore Giuseppe Russo e di diversi Consiglieri Comunali, il Sindaco ha più volte ribadito la contrarietà ad azioni di privati o di organizzazioni che non siano in linea con quanto già avviato in termini di accoglienza e integrazione dei migranti (progetto SPRAR), comunicando allo stesso Prefetto tali valutazioni”.

Gli abitanti del quartiere e dell’area dove presumibilmente sarà allocato il centro di accoglienza ribadiscono con forza ed a gran voce che:

1) i cittadini, pur avendo l’Amministrazione Comunale attivato diversi strumenti di partecipazione e consultazione civica non sono stati ascoltati in via preventiva, se non su interessamento degli stessi negli ultimi 15 giorni;
2) il quartiere non è idoneo per tale tipo di strutture di accoglienza ed in particolare l’area nord (via E. Moneta e dintorni), un quartiere periferico dove sussistono diversi interventi pubblici non completati e dove già in altre occasioni il Comitato di Quartiere ha sollecitato maggiore attenzione in termini di sicurezza e prevenzione del degrado;
3) non si condivide la modalità di gestione della manifestazione di interesse da parte della Prefettura, non si può ridurre l’accoglienza dei migranti ad una mera questione matematica di ripartizione numerica dei migranti nei diversi Comuni della Provincia, né si possono penalizzare territori che hanno avviato buone pratiche di “accoglienza ed integrazione” come per il caso di Castrovillari;
4) come ribadito dal Sindaco e dall’Assessore ai Servizi Sociali, si chiede l’applicazione della “clausola di salvaguardia” prevista dal Piano Nazionale per la ripartizione dei migranti, sostenuta e concordata con l’ANCI, come specificato nella direttiva trasmessa dal Ministero degli Interni ai Prefetti (del 11 ottobre 2016). Ovvero: i comuni aderenti alla rete SPRAR, come lo è Castrovillari, sono esenti dall’attivazione di ulteriori forme di accoglienza.

“In più occasioni il Quartiere ed i cittadini hanno mostrato partecipazione attiva, attenzione e dialogo – prosegue la nota – ma sono seriamente preoccupati perché situazioni critiche, interessi economici, strumentalizzazioni politiche e gestioni distanti dalle reali esigenze dei territori e dei bisogni locali, possano portare a forzature che provocherebbero azioni decise anche da parte di chi vive e chi opera in questi luoghi.
Al momento è stata avviata una raccolta di firme per sollecitare maggiore attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale e della Prefettura; sarà convocata a breve una nuova assemblea/manifestazione pubblica alla presenza della stampa e delle forze politiche locali, per sostenere la voce del Quartiere e dei suoi abitanti, nonché è stato chiesto al Prefetto un incontro sulla problematica specifica dell’accoglienza migranti nella nostra città”.

Intanto il comitato e i residenti domani protocolleranno l’istanza e le firme raccolte (circa 500 al momento) e promuoveranno una manifestazione pubblica, sempre per la stessa giornata.