ASCOLTA RLB LIVE
Search

Maurizio Alfano: “Razzismo migrante e strutture clandestine”

ROMA – Domenica 23 marzo, alle 18.30, a Roma, GRIOT presenta il libro “Razzismo migrante e strutture clandestine”, di Maurizio Alfano.

Il libro vuole prendere in esame alcuni aspetti del razzismo, fenomeno duro a morire. La Libreria GRIOT, in collaborazione con UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e con la rete NEAR, presenta questo saggio nell’ambito della Settimana d’Azione contro il Razzismo, un’iniziativa promossa da UNAR dal 17 al 23 marzo a Roma. Maurizio Alfano, bisignanese, da sempre impegnato nel sociale, ha sposato la causa del “migrante” visto da ogni angolazione, tanto da farne uno scopo di vita. Così in una nota alcuni aspetti del testo: “Per analizzare la complessità dei razzismi possibili è necessario frugare nelle manipolazioni in atto del linguaggio per un verso, come nelle continue ecdisi che il razzismo è capace di compiere migrando nelle strutture sociali a sua difesa dall’altro. Il significato dato, per esempio, alle parole hospes e hostis, è condizione che ha fatto perdere nel tempo la curiosità di conoscere l’ospite straniero e vincere, invece, l’affermarsi della paura dello straniero-nemico. Tutto ciò ha contribuito a distorcere l’uso quotidiano di parole come “stranieri” e “clandestini” e, accettando questo campo di battaglia non solo semantico ma anche di lotta, ha reso più forte il razzismo e i suoi sofisticati meccanismi nel rappresentare i migranti come briganti, determinando il superamento di una visione dicotomica del razzismo (dominio e sterminio) per approdare ad un razzismo da convivio, democratico, liquido, quasi impercettibile che conclude e naufraga nel definirsi non sono razzista. Una precondizione che assoggetta l’altro come diverso e inferiore a noi, svelando il falso problema della regolarità o meno della loro presenza, rimandando a situazioni complesse che hanno a che fare con il nostro rapporto con l’Altro diverso da noi, sempre più, chiunque esso sia”. Un testo da acquistare e leggere che rende merito al lavoro dell’autore che, di fatto, narra esperienze di vita quotidiana.