Natale mite e con il sole. Nel weekend si cambia: aria fredda artica e crollo termico

Festività natalizie all’insegna del sole e del clima mite grazie all’espansione dell’anticiclone. Ma nel fine settimana possibile irruzione fredda di origine artica con un crollo delle temperature e qualche spruzzata di neve sui versanti orientali a quote collinari

.

COSENZA – Come oramai da tradizione negli ultimi anni, anche le festività di Natale 2019 passeranno con il bel tempo e saranno assolutamente gradevoli dal punto di vista delle temperature. Dopo la violenta tempesta Atlantica, con tutto quello che ha provocato, grazie all’espansione dell’alta pressione il sole è tornato a splendere già da lunedì e ci accompagnerà anche domani, giorno di Santo Stefano, venerdì e in parte anche sabato. Ecco, proprio a partire da sabato saremo interessati dall’arrivo di fredde correnti d’aria artica che scivoleranno lungo il bordo orientale dell’anticiclone che, nel frattempo, punterà verso nord alimentato da aria decisamente calda. La colata artica avrà come obbiettivo principale i Balcani, ma una parte dell’aria fredda colpirà le regioni del medio e basso versante Adriatico e buona parte del Sud, Calabria compresa.

La prima conseguenza sarà un crollo delle temperature rispetto ai valori attuali che sono sopra la media di diversi gradi. Si attiveranno freddi venti di tramontana e grecale e, come spesso accade con questo tipo di configurazione, sarà possibile anche qualche spruzzata di neve sui versanti orientali di Sila e Pollino a quote collinari in un contesto comunque nuvoloso sui versanti jonici, soleggiato su quelli tirrrenici. Ma già per Capodanno l’anticiclone sembrerebbe riuscire a spingere verso est l’aria fredda e riportare le temperature nella media.