ASCOLTA RLB LIVE
Search

Google trema con Graph Search di Facebook

MENLO PARK (CALIFORNIA) – ‘Graph Search’ è ora realtĂ . Il motore di ricerca  lanciato da Facebook che opera non su tutta la rete ma

esclusivamente all’interno del social network fondato da Mark Zuckerberg, incrocia tra loro i dati dei diversi milioni di utenti. Si tratta della prima novita’ dalla disastrosa quotazione in borsa della societa’ lo scorso maggio; dopo il lancio di ‘Graph Search’, tuttavia, Fb ha perso a Wall Street oltre il 2%, sintomo della non entusiastica accoglienza della nuova ‘creatura’ di Zuckerberg, che probabilmente ha deluso quanti attendevano annunci piu’ eclatanti, come il rumoreggiato Facebook Phone. “Abbiamo considerato Facebook con una grande banca dati social e come in ogni banda dati dovrebbe essere possibile effettuare ricerche”, ha spiegato Mark Zuckerberg. Con ‘Graph Search’ si potra’ ad esempio digitare nella stringa di ricerca, “a quandi piacciono Guerre Stellari e Harry Potter?”, e scoprire coloro che condividono la comune passione all’interno dell’universo Facebook. La novita’ e’ che la ricerca si estende a tutto il social network e non solo agli “amici” con cui si sa gia’ cosa si ha in comune. Sulla carta il sistema ricorda in qualche modo l’esperimento di ‘Ping’, il social network esclusivamente musicale legato a iTunes, lanciato da Steve Jobs il primo settembre del 2010 a cui venne staccata la spina lo scorso 30 settembre, per lo scarso numero di iscritti. L’enorme vantaggio della creatura di Zuckerberg e’ che parte da un database di oltre 1 miliardo di iscritti. Difficile prevedere, pero’, quanti se ne aggiungeranno o quale flusso di ricavi ‘Graph Search’ potra’ generare. La conferenza stampa di Zuckerberg era attesissima, dopo le indiscrezioni sulla possibilita’ che fosse svelato il Facebook Phone. Il fondatore del social network aveva annunciato, in pieno stile Apple, che in diretta dal quartier generale californiano ci sarebbe stata la presentazione di un nuovo prodotto: “Venite a vedere cosa stiamo costruendo”, era stato l’invito ai giornalisti. Oltre al Facebook Phone e all’innovativo motore di ricerca, tra le altre ipotesi che circolavano in rete c’era quella di un un sistema che avrebbe dovuto permettere di effettuare chiamate agli amici iscritti al social network direttamente dallo smartphone.