Il coronavirus fa volare l’e-commerce. È il momento giusto per aprire un negozio virtuale

Dalle grandi catene al piccolo negozio di quartiere tutto si è trasferito sul digitale con ordini che hanno superato anche il 160%. Aprire un negozio virtuale e iniziare lavorare può rappresentare la svolta per molti e farlo è più semplice di quanto si possa credere

.

Il coronavirus ha portato ad una nuova era digitale e a una maggiore consapevolezza da parte delle aziende innanzitutto sugli investimenti da fare in ambito di digitalizzazione e commercio. Nei mesi dell’emergenza le vendite online sono cresciute in modo esponenziale e in alcuni casi gli ordini hanno superato anche il 160%. Una crescita che ha riguardato tutte le piattaforme digitali. Le abitudini di acquisto e i comportamenti dei consumatori italiani si sono spostati a favore dell’e-commerce, che ha garantito continuità di servizio per numerose attività e per i cittadini e l’immancabile comodità nei pagamenti e nella consegna a domicilio.

Un mercato in continua espansione

Un vero e proprio boom che potrebbe fare da volano per una crescita di un mercato che ha ancora ampi margini di miglioramento. Il 90% dei consumatori italiani oggi acquista online, di questi l’80% effettua almeno un acquisto al mese attraverso l’ecommerce e il 20% fa minimo un acquisto a settimana.Il settore delle vendite online nel nostro Paese, infatti, si caratterizza per un quadro complessivo che mostra più facce. Nel 2019 gli acquisti online sono stati superiori ai 31 miliardi e mezzo di euro, un dato in crescita del 15% rispetto all’anno precedente, quando ci si era fermati a 27 miliardi e mezzo. La crescita dei servizi è stata del 7%, con un volume di affari di circa 13 miliardi e 300 milioni di euro; quella dei prodotti, invece, è stata del 21%, con un volume di affari di 18 miliardi e 200 milioni di euro. Ma il dato che veramente stupisce è che solo 1 azienda su 10 tra quelle operative in Italia mette in vendita su Internet i propri prodotti, nella maggior parte dei casi per colpa della mancanza di capacità di espandere il proprio business con le tecnologie a disposizione. Se si pensa che lo scorso anno le vendite da siti italiani in ambito e-commerce sono state pari a circa 28 miliardi e 700 milioni di euro, si può ben intuire quanto ancora possano e debbano essere esplorate le potenzialità di questo mercato.

L’importanza dell’Hosting

Terminati gli indispensabili adempimenti burocratici che prevedono di aprire una partita iva, avere un conto bancario, iscriversi al VIES (per le transazioni in ambito comunitario) ed effettuare tutti gli adempimenti con Camera di Commercio, Comune e INPS comunicando all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo Internet del sito, l’IPS (Internet Service Provider), e-mail, PEC e numero di telefono, per un negozio di e-commerce che funzioni come si deve è prioritario utilizzare un servizio di Hosting adeguato che consenta di ospitare su un server il tuo sito rendendolo accessibile dagli utenti. La scelta dell’hosting deve essere accurata e determina molte cose necessarie per la corretta visualizzazione del sito Web. Scegliere il giusto server è dunque di importanza fondamentale per la gestione di un e-commerce di successo. Se un sito è lento, poco sicuro e spesso offline, non solo verrà perso un gran numero di potenziali clienti ma l’e-commerce verrà anche penalizzato da Google nell’indicizzazione delle pagine Web.  Serve un provider che sia anche sicuro e che supporti il protocollo HTTPS.

Fra i numerosi provider in circolazione, VHosting offre senza dubbio alcuno un vasto ventaglio di proposte studiate appositamente per chi ha in mente di realizzare un e-commerce affidabile, completo e, cosa da non sottovalutare, prestante. Nello specifico, VHosting offre diversi pacchetti dedicati a WordPress (con il quale, oltre ad allestire solo blog e siti di informazione, è anche possibile creare veri e propri store online), PrestaShop e Magento, quest’ultima la piattaforma più diffusa fra chi ha fatto dell’e-commerce la propria fonte di business. Magento è Open Source e a costo zero, si installa in soli pochi minuti e mette a disposizione tutti gli strumenti che consentono di vendere online. Ma per funzionare al meglio ha la necessità di un hosting altamente performante: è per questo che VHosting ha pensato a pacchetti appositamente progettati per chi vuole metter su un e-commerce senza spendere un occhio della testa e, soprattutto, senza aver a che fare con troppi grattacapi. I pacchetti disponibili, hanno infatti un costo che parte da appena 45 euro l’anno e includono sistemi di cache integrata e dischi SSD, garantendo dunque sempre le massime performance. A completare l’offerta firmata VHosting, l’assistenza live 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. In definitiva, è la scelta ideale per chi è alla ricerca di un pacchetto hosting per ecommerce e si sente pronto a creare nuovi business online.