ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cuore: antinfiammatori aumentano rischio secondo infarto

(AGI) – NEW YORK  – Chi sopravvive a un attacco di cuore dovrebbe fare attenzione all’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei: secondo uno studio pubblicato dalla rivista Circulation l’uso dei Fans aumentano il rischio di morte per un secondo infarto a lungo termine.

“E’ importante che passi il messaggio ai medici che prendere questi farmaci dopo un infarto e’ pericoloso – spiega Anne-Marie Schjerning Olsen dell’Universita’ di Copenhagen – anche dopo diversi anni dall’attacco di cuore”. I ricercatori hanno identificato quasi 100mila persone sopra i 30 anni che avevano avuto il primo attacco tra il 1997 e il 2009, il 44 per cento delle quali aveva ricevuto prescrizioni successive di antinfiammatori. Tra questi il rischio di morte totale era piu’ alto del 59 per cento dopo un anno, e del 63,5 dopo cinque anni dall’attacco.  Il rischio di avere un secondo attacco o di morire per un problema cardiovascolare era piu’ alto del 30 per cento un anno dopo e del 41 per cento dopo cinque anni, indipendentemente da altri fattori come malattie concomitanti, sesso, eta’ e situazione economica.