Dai un calcio all’osteoporosi

Da Nord a Sud per un totale di 16 piazze italiane: due camper Sangemini dal 5 al 30 settembre attraverseranno l’Italia con la campagna di sensibilizzazione

«Dai un calcio all’osteoporosi», giunta alla sua terza edizione. L’iniziativa è promossa da Acqua Sangemini in collaborazione con F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli-Fondazione Italiana per la Ricerca sulle Malattie Ossee.

Un tour itinerante che a settembre darà a tutti la possibilità di conoscere il rischio di sviluppare l’osteoporosi: lo scorso anno si sono sottoposti gratuitamente allo screening quasi 4.000 persone e tra i dati emersi è risultato che circa il 17% delle donne soffre di osteoporosi già prima di compiere i 60 anni. Si tratta di un’importante iniziativa perché, grazie al gran numero di persone coinvolte e alla diffusione su tutto il territorio, fornisce uno spaccato dello stato di salute degli Italiani e in particolare delle donne prima dei 60 anni, età in cui è ancora possibile avviare una corretta prevenzione dell’osteoporosi e delle sue complicanze finali: le fratture.

Quello di Acqua Sangemini e F.I.R.M.O. è, inoltre, il primo screening specifico sull’osteoporosi realizzato in Italia dopo l’unico studio epidemiologico condotto sulla popolazione italiana nel 2001 (studio ESOPO).

Ma come è possibile sapere quanto si è a rischio? Nei camper Sangemini si potrà effettuare gratuitamente l’ultrasonometria quantitativa al calcagno, un esame non invasivo simile alla M.O.C (Mineralometria Ossea Computerizzata) che ci permette di valutare la quantità di minerale osseo e di conseguenza la sua resistenza. Insieme a questo esame sarà possibile effettuare il test Frax, uno strumento sviluppato dall’OMS per valutare il rischio di fratture. Si tratta di un questionario a cui rispondere con il supporto di un medico, che integra i rischi associati a fattori di rischio clinico e alla densità minerale ossea. I medici e il personale specializzato presente saranno a disposizione per fornire informazioni e consigli per una corretta prevenzione.

In Italia l’osteoporosi è una malattia molto diffusa ed è destinata ad aumentare con il progressivo innalzamento dell’invecchiamento della popolazione. Fumo, sedentarietà, predisposizione familiare ma anche una scarsa esposizione al sole sono alcuni tra i fattori di rischio. Molto importante per la prevenzione dell’osteoporosi è una dieta equilibrata che preveda un’adeguata assunzione di calcio, proteine e vitamina D.