ASCOLTA RLB LIVE
Search

Come cucinare il fungo tartufo con semplicitĂ  esaltandone il sapore

Un piatto particolare e prelibato a base di uno dei prodotti di stagione piĂą pregiati

La ricetta di questa settimana è dedicata ad un prodotto di stagione molto pregiato. Sto parlando del fungo tartufo bianchetto che intendo abbinare ad una buona ricotta vaccina. Anche se il tartufo bianchetto è meno noto del piĂą famoso tartufo bianco, in molti apprezzano il suo aroma forte che si impone sulle pietanze estremamente gradevole se usato in quantitĂ  moderate. Un condimento adatto a dare un tono a moltissimi piatti, anche i piĂą semplici e quotidiani, tipo le tagliatelle, l’uovo alla coque, o semplicemente per condire una bruschetta. In questa ricetta però ho voluto abbinarlo al gusto delicato della ricotta che insiema al gusto aromatico del tartufo diventa un connubio perfetto per un piatto molto particolare.

TAGLIATELLE AL TARTUFO BIANCHETTO

Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di tagliatelle all’uovo
2 tartufi piccoli
300 grammi di ricotta
1 noce di burro
sale e pepe quanto basta
Iniziamo dalle tagliatelle e mettiamole a cuocere in abbondante acqua salata. Nel frattempo prendiamo una padella antiaderente, mettiamo al suo interno una noce di burro, grattugiamo un tartufo e mettiamo dell’olio di oliva per farlo un po’ soffriggere. A questo punto aggiungiamo la ricotta con acqua di cottura e amalgamiamo per bene con sale e pepe. Scoliamo la pasta e saltiamo il tutto energicamente. Prendiamo l’altro tartufo e tagliamolo con l’aiuto di un taglia tartufo a lamelle, spargiamolo poi sopra ogni piatto. Serviamo il tutto ben caldo a tavola.
Abbinamento: il tartufo è un fungo aromatico quindi si lega con un vino simile, un bianco aromatico tipo Tocai friulano ideale per questo piatto.