Poro, da troppi anni in canile merita di vivere. Carlo e Lulù parlano con la LIS

Poro avrebbe bisogno di trascorrere finalmente i suoi ultimi anni sereno e per questo il suo appello è speciale. Questa settimana la bellissima storia del piccolo Carlo e della sua labrador Lulù

 

Poro

Dieci anni di reclusione sono davvero troppi. Poro è al canile rifugio di Rocca Di Neto ed è uno di quei pelosi che, purtroppo, “non vuole nessuno”. I cani di colore nero infatti, statisticamente sono quelli meno adottati nei canile ma sapere che lui è un cagnolino dolcissimo fa male il doppio. Poro ha una triste storia: nasce in canile, a Donnici, e viene adottato nel periodo di Natale insieme a suo fratello. Un gioco forse, perchè Poro torna in canile “restituito” in estate. E da quel momento nessuno ha più guardato lui e il fratello. Da Donnici sono stati poi trasferiti nel 2015 a Rocca di Neto e insieme vivono in simbiosi, sono inseparabili, ma la morte non guarda in faccia nessuno e si porta via il suo amato fratello.

Poro affronta, oltre all’abbandono, anche la perdita e resiste in attesa che quella maledetta porta si apra. Ha un carattere buono e affettuoso, compatibile con tutti, ed è di taglia media. Per lui si sta pensando anche ad un contributo per offrirgli la possibilità di andare in pensione e trascorrere i suoi ultimi anni con una ciotola, un pò di verde in cui correre e magari una calda coperta d’inverno.

ASCOLTA la rubrica di questa settimana

Lulù, il cane guida che ha salvato la vita al piccolo Carlo

Tutti dovrebbero conoscere un pò almeno, la LIS, lingua dei segni per comunicare e se è riuscita Lulù a comprenderla, può farlo chiunque. Questa storia è straordinaria e vede protagonisti Carlo, 12 anni, affetto dalla nascita dalla sindrome di Charge, una rara e grave malattia che lo ha reso sordo e che presto lo porterà alla cecità.

L’unico modo per combattere la malattia è quella di istruire il bambino sin da piccolissimo, imparando il linguaggio dei segni. A cambiare e rendere speciale la vita di Carlo è arrivata Lulù, una giovane Labrador che è stata addestrata già da piccola per rispondere ai comandi impartiti con la voce o il linguaggio dei segni. Lulù è diventata subito la migliore amica di Carlo. Insieme fanno tutto e Lulù è sempre vicina a lui anche nei momenti in cui è triste.  A Lulù è stata insegnata la Lis, la lingua italiana dei segni, con la quale Carlo e la sua famiglia comunicano: se Carlo fa un segno, potrebbe passare inosservato a tutti tranne che a Lulù, quel segno con la mano è una comunicazione e a lei, ogni segno di Carlo non sfugge.

VIDEO 

Lulù, il cane guida che ha salvato la vita del piccolo Carlo

Se non credete all'amore tra un bambino e un cane questo video vi farà cambiare idea. La commovente storia di Lulù e del piccolo Carlo <3

Gepostet von Fanpage.it am Montag, 9. Juli 2018