Sofocle, 9 mesi e tanta voglia di giocare. Grigio, l’angelo custode di Don Bosco

Questa settimana vi presentiamo Sofocle, ultimo rimasto della sua cucciolata. Persino la sua mamma ha trovato casa. E poi la storia di Grigio, il cane che difendeva Don Bosco

 

Sofocle

La foto di Sofocle è emblematica di quanta voglia di giocare e di vivere abbiano i cani che si trovano rinchiusi in canile. I cuccioli in particolare giocano con quello che trovano e non hanno morbide cucce, palline gommose da mordere, ossicini da sgranocchiare o copertine calde. Ed ecco Sofocle che gioca con la sua ciotola che usa di solito per mangiare e bere. La porta con se anche nell’area sgambo e se trova un rametto gioca anche con quello. Si accontenta pur di giocare. Sofocle ha nove mesi, è una taglia medio piccola, e tutti i suoi fratellini compresa la mamma hanno trovato casa, tranne lui. Non sarebbe bello regalargli una famiglia?

ASCOLTA la rubrica di questa settimana

L’Angelo Custode di Don Bosco: Grigio salvò la vita al santo

Un vero e proprio angelo sotto forma di cane che salvò la vita a San Giovanni Bosco che in diverse situazioni si è trovato ad affrontare minacce o aggressioni. Ed era in questa circostanze che compariva al suo fianco un enorme cane lupo, di colore grigiastro, che si dava da fare per proteggerlo da malintenzionati di ogni genere. Don Bosco lo descrive come “un grosso cane che pareva uno lupo, alto 1 m, di pelo grigio, dal muso allungato e dalle orecchie dritte”.

 

Se vuoi scriverci per chiedere informazioni sui cani da adottare: [email protected] (nell’oggetto indicare “Qui la Zampa“); Se invece vuoi adottare i cani, il giorno delle adozioni in canile a Donnici è il GIOVEDI’. Le adozioni al canile sanitario in contrada Acquafredda di Mendicino (Cs) invece, si possono effettuare di LUNEDÌ dalle 9:30 alle 12:30

Numeri utili per informazioni e/o adozioni

Letizia 327 636 2179
Maria Giulia 334 354 2780
Teresa 348 134 3975
Nadia 389 051 7756
Maria Francesca 3917348381

 LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI della rubrica “Qui la Zampa”