ASCOLTA RLB LIVE
Search

Poldina: socievole e dolce. Carter e Rowdy, accettare la malattia con l’amicizia

Adottare un cane in canile, vuol dire riempire la propria casa di amore e dare la possibilità ad un peloso di poter avere una nuova vita. Poldina è a Donnici. Questa settimana la meravigliosa storia di Carter e Rowdy

 

Poldina

E’ semplicemente bellissima e nonostante la sua, sia l’ennesima storia di un abbandono, Poldina ha mantenuto la sua voglia di amare e di vivere. Lei e il suo fratellino sono entrati in canile che avevano appena due mesi. Lui è stato fortunato ed ha trovato subito casa, mentre lei aspetta ancora la sua famiglia tra le fredde sbarre del canile. Ma è così dolce, socievole ed educata che le volontarie la affiancano ai cuccioli che sono spaventati per regalargli serenità perchè Poldina ne infonde tanta. Ora è arrivato il momento di aiutarla a trovare una famiglia. Poldina è nata intorno al 1 marzo 2019. Andate al canile di Donnici a vederla, soprattutto il giovedì mattina, giorno dedicato alle adozioni.

ASCOLTA la rubrica di questa settimana

Carter, ha accettato la vitiligine quando ha incontrato Rowdie

 

Carter è un bambino affetto da vitiligine ed il suo aspetto lo ha portato a sentirsi escluso anche perchè molti lo prendevano in giro e lui si stava abbandonando alla tristezza. Ma qualcuno è riuscito a farlo tornare a sorridere. Qualcuno che gli assomiglia molto. Carter ha 8 anni ed è originario dell’Arkansas, Stati Uniti.  La sua vitiligine è molto evidente soprattutto sul volto e lui non accetta il suo problema ed è spesso triste.

A restituirgli la gioia di vivere è stato Rowdy, un labrador di 13 anni anche lui affetto da vitiligine e con macchie bianche vistose proprio intorno agli occhi come lui. E’  stata la mamma di Carter a scoprire l’esistenza di questo cane speciale e nonostante le difficoltà (l’animale si trovava in un altro stato, l’Oregon) è riuscita a portarlo da suo figlio grazie ad una donazione di 5mila dollari che ne ha permesso il trasferimento. Quando si sono incontrati è stato un momento quasi magico, come se si conoscessero da sempre e la loro amicizia ha fatto capire a Carter che il suo aspetto non è “diverso”, ma “speciale”. L’effetto di quell’amicizia sul piccolo Carter è stato così curativo che la madre e la proprietaria di Rowdy hanno deciso di trovare il modo per rendere più frequenti i loro incontri.