cagnolino

Amendolara: cagnolino trovato legato in un dirupo, salvato grazie ai cittadini

Il fenomeno dell’abbandono degli animali domestici è purtroppo una piaga molto diffusa, soprattutto in Italia, un Paese ancora molto indietro. Abbandoni, talvolta accompagnati dalla crudeltà che resta troppo spesso impunita

AMENDOLARA (CS) – Forse l’ennesimo padrone senza anima o qualche balordo che aveva deciso di sbarazzarsi del povero cagnolino, che è stato ritrovato in un dirupo, legato con un filo di ferro intorno al collo. Sono stati i cittadini, ieri mattina, dopo aver udito il richiamo straziante del povero cane, a chiamare i soccorsi. Il cagnolino si trovava ad Amendolara Marina in un dirupo nei pressi di un villaggio turistico, in contrada Gabriele.

Intervenuti i vigili del fuoco di Trebisacce, insieme ad alcuni residenti, ma anche ai collaboratori del Comune e alla guardia eco-zoofila Giovanni Napoli dell’associazione Urca-Cosenza, sono riusciti a recuperare il cagnolino tra la soddisfazione di tutti. Ma la scena più straziante è stata la liberazione del povero animale che era imprigionato con un cappio di acciaio. Sul posto è intervenuto immediatamente anche il veterinario di Amendolara, Antonello Gentile che si è accertato dello stato di salute del cane e gli ha prestato le prime cure. Il cane, un meticcio di colore bianco, non risulta essere registrato all’anagrafe canina, e pertanto cerca una famiglia che lo accolga e gli voglia bene. E noi speriamo che possa trovare casa anziché finire in canile a Villapiana.