ASCOLTA RLB LIVE
Search


Le ricette regionali, come preparare la gustosa “pasta alla Gricia”

Continua il nostro viaggio nell’Italia da gustare con le ricette rivisitate da uno chef calabrese. Questa settimana portiamo in tavola la pasta alla gricia

Questa settimana scopriremo insieme la Gricia restando sempre nel Lazio per andare alla scoperta della cucina romana ma con un tocco di calabresitaĂ . La pasta alla gricia è un’altra ricetta tradizionale laziale conosciuta come antenata della amatriciana, e la differenza tra le due ricette sta solo in un ingrediente il pomodoro, che non è presente nella gricia.

La ricetta che vi propongo aggi segue quella tradizionale ma senza la cipolla che volendo si può aggiungere in base ai gusti. Per quanto riguarda la pasta, solitamente vengono utilizzati gli spaghetti ma noi useremo i rigatoni.

Ingredienti per 4 persone

320 gr. di rigatoni
250 gr. di guanciale stagionato di Suino Nero
150 gr. di pecorino Crotonese
1 cucchiaio di strutto
sale e pepe q.b.

Preparazione

Prendiamo una pentola e mettiamo l’acqua sul fuoco con un pò di sale. Quando l’acqua bolle buttiamo la pasta e facciamola cuocere finche non risulterĂ  molto al dente.

La preparazione del guanciale

Prendete il pezzo intero e ponetelo sul tagliere. Tagliatelo a metà prima nel verso della lunghezza e poi nell’altro senso, avendo cura di creare delle fette dello stesso spessore. Dobbiamo ricavare delle striscioline di media grandezza.

Ora prendete una padella e aggiungete un pò di strutto facendolo sciogliere. Aggiungete il guanciale fino a farlo trasudare per bene. Quando il guanciale risulterĂ  croccante, spegnete il fuoco e quando la pasta sarĂ  al dente scolatela e buttatela in padella con il guanciale. Riaccendete fornello finendo la cottura (se necessario si può aggiungere un pò d’acqua di cottura della pasta).

Ora spegnete il fornello ed aggiungete il pecorino romano e il pepe con un mestolo di acqua calda. Saltare e amalgamare per bene. Dividete in 4 piatti di portata finendo con un filo di olio e servire in tavola ben caldo.