ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cerisano, Anna Ammirati incanta con il suo “Nap Sound”

CERISANO – Con il trionfale concerto di Emma, si è conclusa al meglio la ventesima edizione del Festival delle Serre a Cerisano. Si è trattato di una vera e propria pacifica invasione fra le vie del centro storico di uno dei borghi più affascinanti della Calabria, che ha approfittato così della kermesse per mettere in evidenza le bellezze del suo cuore antico, capace di pochi paragoni

anche al di fuori dei confini regionali. Emma ancora una volta ha ricevuto l’abbraccio tracimante di un pubblico che ha gremito in ogni ordine di posti l’area concerti posta ai margini dello splendido Palazzo Sersale, tramutato in un immenso karaoke sotto le stelle per doppiare la voce della popolarissima cantante di origine salentina, uscita dalla ribalta televisiva di “Amici”. Ma sono tante le istantanee che potrebbero essere tratte dall’album 2012 del Festival, a partire dal carisma a supporto delle doti di un’attrice dal valore assoluto come Anna Ammirati ,che ha voluto partire proprio da Cerisano per presentare il suo nuovo “NapSound, recital avanguardistico partenopeo”, affiancata dai suoni digitali realizzati all’istante da Rocco Siliotto in arte Rsx. Uno spettacolo originale e dai contorni ipnotici, prodotto da Archimedia, brillante factory cosentina che ha firmato anche gli show di un regale e tenero Paolo Villaggio e di Alessandro Mannarino, nuovo effervescente nome della scena cantautorale italiana, oramai prossimo alla definitiva consacrazione. Apprezzati anche gli spettacoli della compagnia teatrale Scena Verticale e del gruppo Mattanza, così come grande consenso è stato riconosciuto ai numerosi altri eventi del cartellone (artisti di strada, teatro di marionette, cabaret e musica di tutti i tipi), curati da Ugo Carella. Ma complice un clima ancora mite, è stato bello constatare un affluenza quasi da record assoluto a Cerisano, alla scoperta delle sue belle chiese e di importanti monumenti storici. Legittima la soddisfazione del Sindaco Salvatore Mancina: «E’ andato tutto come avevamo previsto ,con la piena soddisfazione di pubblico, istituzioni ed operatori commerciali. Ringrazio in particolare Mario Caligiuri e Mario Oliverio per l’appoggio ed il sostegno concessi dal primo istante. Il festival quest’anno festeggiava un traguardo importante che abbiamo cercato di onorare con l’impegno e la passione che contraddistingue il mio mandato. Sono rimasto impressionato una volta di più dalla partecipazione del pubblico, consapevole nello scegliere un proprio percorso fra le varie arti proposte, ma sempre attento e caloroso nel seguire i vari eventi in programma, come la proiezione di un film, la partecipazione a un dibattito oppure a un live fra parole e musica. Il mio plauso va a tutto lo staff, a coloro che ci sono venuti a trovare ancora come chi ci ha scoperto solo quest’anno. Cercheremo di rimetterci al lavoro il più presto possibile in modo da poter presentare il prossimo cartellone con largo anticipo. I numeri raggiunti quest’anno sono importanti, ma rimango molto ottimista circa la possibilità di aumentarne ancora la consistenza, dando un forte stimolo anche a dei flussi turistici mirati, le cui ricadute andrebbero a beneficio dell’intero comprensorio».