ASCOLTA RLB LIVE
Search

Lettura consigliata ad un pubblico (abbastanza) adulto

Quando raggiungiamo la vecchiaia il desiderio più grande, per la maggior parte di noi, è quello di poter tornare indietro a quando eravamo giovani. Ma siamo sicuri che ciò ci porterebbe qualche vantaggio?

 

E’ evidente che il motivo che maggiormente ci porta a desiderare di ritornare giovani sia la paura della morte, e la cosa è del tutto comprensibile, ma questo non può giustificare, se riflettiamo bene, il nostro desiderio di iniziare da capo una nuova vita. Eppure, quando eravamo abbastanza adulti, ma non ancora vecchi, la vecchiaia rappresentava il nostro traguardo e per raggiungerla alcuni di noi erano capaci di privarsi anche di molti piaceri. Durante il passaggio delle varie fasi della vita che conduce alla vecchiaia sono diverse le nostre considerazioni nei suoi confronti.

Da fanciulli e da giovanissimi, pur sentendone parlare, la associamo alla fine della vita ma ciononostante ci comportiamo come se essa non esistesse. La nostra vita è improntata al “qui ed ora”, e la temerarietà non è una sfida alla morte, ma è dovuta solo alla inconsapevolezza del valore della vita. In tale prospettiva, c’è da parte nostra una scarsa considerazione della vecchiaia o, forse più precisamente, la vediamo come qualcosa che non ci riguarda. E se per caso dovessimo venire a contatto con qualche rappresentante di tale “stagione della vita”, spesso diventiamo insofferenti, perché pensiamo che da quell’incontro trarremo solo delle scocciature. Quando, ad esempio, incrociamo per strada una persona anziana, abbiamo l’impressione che essa possa intralciare la nostra corsa affannosa verso qualcosa, spesso di neanche ben definito. E la smania di fare o di possedere questo qualcosa ci porta a non considerare quelle che sono le sue esigenze, le sue difficoltà.

Una volta diventati più adulti pensiamo alla vecchiaia, ma la vediamo ancora molto distante e, a volte, ce ne facciamo un’idea romantica. Pensiamo che essa rappresenti il raggiungimento ed il riconoscimento di una certa saggezza ( cose che non sempre si verificano ), e ciò ci tranquillizza e ci dà la sensazione che raggiungerla alla fine potrà portarci dei vantaggi.

E’ soltanto in età a avanzata, quando siamo sulla sua soglia, che essa inizia a riempire i nostri pensieri, ed è allora che incomincia ad esercitare su di noi una certa seduzione l’idea che sarebbe bello poter tornare indietro, al tempo in cui eravamo ragazzi. Questo desiderio, però, al di là della sua evidente impraticabilità, anche qualora potesse essere esaudito, non apporterebbe, a mio avviso, nessun vantaggio. Si tratterebbe di vivere una vita che non sarebbe la continuazione della nostra vita, magari aggiornata, e con la possibilità di poterne conservare e mantenere una certa consapevolezza, una memoria capace di preservarci dal commettere gli stessi errori che abbiamo compiuto nella vita in corso. Sarebbe una vita tutta nuova.

Ben diverso sarebbe se questo tornare indietro negli anni fosse come avere una seconda possibilità, per recuperare rapporti che non hanno avuto l’evoluzione che speravamo, magari anche per colpa nostra. Nel caso di un ritorno indietro conservando la consapevolezza (la coscienza) della vita passata e con la possibilità di ritrovare intorno a noi gli stessi visi di allora, questo sì che avrebbe senso. Eccome! Ciò ci consentirebbe di vivere in maniera diversa, o solo più intensamente, quei rapporti,alcuni dei quali rimasti magari irrisolti.

Al di fuori di questa modalità, invece, tornare indietro con l’età equivarrebbe a voler nascere un’altra volta , e i benefici e i vantaggi potrebbero non esserci. Si tratterebbe di una vita completamente nuova, che vivremmo come una vita normale, come una cosa scontata. Ci sarebbero nuove possibilità, nuove potenzialità ed un’evoluzione imprevedibile, non necessariamente assimilabile a quella precedente. E la vecchiaia, tra l’altro, a differenza della vita passata, dove essa era stata raggiunta, in questa nuova vita potrebbe anche non esserci garantita. La nostra esistenza terrena, infatti, potrebbe concludersi prima di raggiungere quella fase della vita, impedendoci di veder realizzati alcuni dei nostri progetti o di poter assistere a determinati eventi. Cose che in definitiva rappresentano il modo per concludere il nostro passaggio sulla terra, non dico con distacco, ma quantomeno con un po’ di soddisfazione e quindi di serenità.




Impostazioni sulla privacy

Statistiche

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Necessario

Meteogiuliacci.it - I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito Web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

_cfduid

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti Web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

d, IDE, r/collect, test_cookie

Non classificati

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.

_app_sess, afsu, google_experiment_mod, google_pub_config