"Ciao Caterina", il 28 marzo all'Auditorium Guarasci per "La Terra di Piero" (AUDIO) - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

“Ciao Caterina”, il 28 marzo all’Auditorium Guarasci per “La Terra di Piero” (AUDIO)

Avatar

Pubblicato

il

Un libro che racconta il dolore di un evento sconvolgente, improvviso e definitivo che stravolge la vita di una famiglia. Un libro diventato  spettacolo e che il prossimo 28 marzo sarà portato in scena a Cosenza per sostenere l’associazione “La Terra di Piero”.

 

COSENZA – “Ciao Caterina. Lettera sulla soglia” scritto da Tiziana Iaquinta racconta la sua storia e quella di Caterina, una donna e una figlia, la cui esistenza è stata stravolta dalla perdita del compagno “di una vita” e del padre della loro amata. Un amore immenso grande quanto il dolore per la sua scomparsa. Un libro incredibile, scritto da Tiziana Iaquinta nel 2011, intenso, sconvolgente, da cui nasce poi uno spettacolo teatrale intitolato proprio “Ciao Caterina“. Un libro nato come una ‘piccola cosa’ – spiega l’autrice – e con l’intento di dare sfogo ad un dolore soggettivo quello di una donna, che ha deciso di regalare alla propria creatura, Caterina quando il tempo, inesorabile, avrà fatto il suo dovere sbiadendo i ricordi. Ma non è più soltanto un libro; è diventato uno spettacolo teatrale e addirittura un ambito di studio (pedagogia del dolore e quindi educazione dei giovani al “saper soffrire”).

Tiziana-IaquintaLo spettacolo nasce dalla messa in opera di Marco Paoli, regista e attore, con l’aiuto regia di Francesca Marchese. Insieme a lui, c’è la splendida voce di Vera Macchione. E l’obiettivo dell’evento in programma il prossimo mercoledì 28 marzo, alle ore 21.00 all’Auditorioum Guarasci, è quello di contribuire con tutto il ricavato ad opere important, come gli straordinari progetti della Terra di Piero. “E’ uno spettacolo di grande speranza che trae origine da un evento tragico, che è la morte, e diventa un inno alla vita. E’ uno spettacolo che sostiene e che si adopera per la beneficenza e per iniziative solidali e così ci è sembrata la cosa più opportuna: sostenere i meravigliosi progetti della Terra di Piero”. 

L’autrice del libro, Tiziana Iaquinta, racconta ai microfoni di Rlb, i contorni dello spettacolo, dedicato all’associazione intitolata a Piero Romeo, e svela anche i prossimi progetti

ASCOLTA L’INTERVISTA

[audio_mp3 url=”https://www.quicosenza.it/news/wp-content/uploads/2018/03/IAQUINTA.mp3″]

“Eravamo Felici” – L’elaborazione del dolore nei bambini

“Ciao Caterina. Lettera sulla soglia”, è affiancato da un mese da un altro testo che si chiama “Eravamo Felici”. Entrambi i testi hanno uno spunto autobiografico ma in “Eravamo Felici” la protagonista è la Caterina del primo libro, quella bambina che ha perso il suo papà quando aveva 8 anni, e che racconta e mette insieme tutte le domande che un bambino si fa in circostanze tragiche: “Ho dato una veste narrativa al libro con l’obiettivo di farlo arrivare agli adulti, soprattutto ai docenti per sottolineare quanto è importante consentire ai bambini l’elaborazione del dolore non negando loro le risposte, adeguate all’età su temi difficili. Molte volte siamo noi adulti che non riusciamo rispondere a quelle domande perchè non abbiamo noi elaborato il dolore”.

ciao caterina - eravamo feliciI bambini sono “grandi” e riescono ad accettare le cose “se sapute cucinare”; un pò come quando eravamo piccoli, e per farci mangiare le verdure ce le nascondevano nelle pietanze per noi ‘buone e appetitose’: “Ritengo che la vita a volte – dice Tiziana Iaquinta – non sia mamma, ma matrigna. La morte si chiama morte e non la invento io, ma cerco soltanto di dare un senso a certi accadimenti. La morte tra l’altro, è la perdita irreversibile ma ci sono altre forme di perdita, un inciampo qualsiasi nell’esistenza; è bene educare i bambini e ragazzi a resistere e a guardare oltre l’inciampo perchè spesso ciò che ci accade ci fa perdere la speranza nel futuro”. “Eravamo felici” è un altro piccolo strumento per raccontare, riflettere ed elaborare che si rivolge anche ai docenti, alle scuole, affinchè si lavori sul tema della perdita e sui sentimenti negativi al fine di educare al contenimento e alla gestione degli stessi.

ciao caterina - locandina

 

Cosenza

Viadotto Gangarello SS 107, limitazioni per tre giorni in orario notturno

L’Anas ha comunicato le limitazioni sul viadotto della Statale 107 silana crotonese in vigore da domani e fino a giovedì

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Per consentire il prosieguo degli interventi sul viadotto ‘Gangarello‘, Anas comunica la necessità di limitare il transito veicolare sulla strada statale 107 ‘Silana Crotonese’, in provincia di Cosenza. Le attività, verranno svolte a partire da domani, martedì 3 agosto e fino a giovedì 5 agosto , nella fascia oraria notturna compresa tra le ore 3:00 e le ore 6:00, al fine di non creare disagi al flusso veicolare durante la stagione estiva. Durante le lavorazioni, sarà in vigore un senso unico alternato, regolamentato da impianto semaforico, in prossimità del km 57,600.

Continua a leggere

Area Urbana

‘Fine attività’ per il centro vaccinale dell’Esercito a Vaglio Lise

Dallo scorso marzo il presidio ha superato i 52mila ingressi e ha fatto 46mila somministrazioni di vaccini

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Chiude oggi il punto vaccinale della difesa di Cosenza-Vaglio Lise. È quanto riportato in comunicato stampa diffuso dall’ufficio stampa dell’Esercito. Aperto a novembre come ospedale da campo, il centro a marzo è diventato un presidio vaccinale della Difesa nell’ambito dell’operazione Eos, voluta dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini e diretta dal Comando operativo di vertice interforze (Covi). Dallo scorso marzo il presidio ha superato i 52mila ingressi e ha fatto 46mila somministrazioni di vaccini, operando in supporto alla sanità locale nella campagna vaccinale, arrivando a somministrare fino a 600 dosi di vaccino al giorno.

Oggi il presidio vaccinale Difesa saluta Cosenza e i suoi cittadini, ma il personale sanitario resterà nel Cosentino e in particolare negli hub dell’Asp e nei team mobili operanti sul territorio. “È stato un onore e un piacere essere d’aiuto alla collettività” ha affermato il dirigente sanitario, Andrea Benicchi, che ha successivamente ringraziato il personale tutto per l’abnegazione, la professionalità e l’umanità mostrata in questo lungo periodo.

Continua a leggere

Area Urbana

Consiglio dei ministri nomina Ciaramella nuovo prefetto di Cosenza

Cinzia Guercio trasferita al Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile in qualità di vice capo dipartimento

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sarà Vittoria Ciaramella il nuovo prefetto di Cosenza. Andrà a sostituire Cinzia Guercio, destinata a svolgere le funzioni di vice capo dipartimento, direttore centrale per la difesa civile e le politiche di protezione civile presso il Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Luciana Lamorgese, ha deliberato le nomine e un movimento di Prefetti. Tra gli altri, Paolo Formicola già vice capo di gabinetto del ministero dell’Interno assume le funzioni vicarie; Fabio Marsilio lascia la carica di prefetto a Grosseto e andrà a svolgere le funzioni di direttore centrale per le risorse umane presso il Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, prenderà il suo posto Paola Berardino. Francesco Aldo Umberto Garsia da Vercelli, è destinato a svolgere le funzioni di prefetto di Novara e a Vercelli a ricoprire il ruolo di prefetto arriva Lucio Parente; infine, Clemente Di Nuzzo nominato prefetto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Rovigo.

Continua a leggere

Di tendenza