bambini-leggono

‘Cuori accesi’ a Castrovillari contro l’emergenza educativa infantile

Una promozione della lettura ma anche una campagna di sana ed urgente mobilitazione culturale per il futuro dei giovanissimi, che durerà sette giorni.

 

CASTROVILLARI (CS) – Non a caso il titolo “Illuminiamo il futuro. Nati per Leggere”, con “Save the Children” che l’ha lanciata , e l’Associazione “Leggi che ti leggo” per combattere, a colpi di libri, la povertà educativa attraverso l’iniziativa “Cuori accesi a ritmo di storie”. Questa propone, attraverso il percorso sinergico a più voci, tre appuntamenti con bambini e famiglie al fine di continuare a diffondere il piacere della lettura di relazione, sostenere i diritti alle storie, fin da piccoli, e favorire le condizioni di sviluppo complessivo degli stessi. Anche così si risponde- vera preoccupazione e leitmotiv della manifestazione- alla mancanza di opportunità formative per tantissimi bambini. ”Una povertà che li priva della possibilità di costruirsi un futuro. Per questo Save the Children promuove ed ha proposto a più soggetti questa Campagna: al fine di sconfiggere, entro il 2030, la povertà economica ed educativa dei bambini in Italia”.

Gli appuntamenti: domani, in Piazza Municipio dalle 10,00 alle 13,00; martedì 10 maggio presso l’associazione “Due di Due”- Casa d’accoglienza-, dalle 10,00 e giovedì 12 maggio, nel pomeriggio nella Biblioteca civica, dalle 16,00 alle 17,30. L’Amministrazione municipale patrocina, con altri, la buona “provocazione” anche in forza di quel protocollo d’intesa sottoscritto, con l’ASP di Cosenza e l’AIB sezione Calabria, nell’ottobre 2013 ed intitolato “Leggi che Ti Leggo” interessato a favorire e promuovere proprio l’abitudine alla lettura nell’ambito familiare, attraverso azioni condivise tra tutte le figure professionali che si occupano del bambino e della famiglia dal concepimento e per tutta la prima infanzia, senza dimenticare il ruolo dei lettori volontari. Tutto ciò, ancora, nell’ambito di quelle azioni volte ad avvicinare ciascuno ai libri, consapevoli dell’importante ruolo che svolge la lettura per la formazione degli individui.