Amantea: Guarimba International Film Festival, pandemia occasione di cambiamento - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Magazine

Amantea: Guarimba International Film Festival, pandemia occasione di cambiamento

Dal 7 al 12 agosto arriva la IX edizione del più grande festival del cortometraggio in Italia. Giulio Vita «la cultura è un diritto e noi abbiamo il dovere di garantirla»

Avatar

Pubblicato

il

AMANTEA (CS) – Si apre con un’immagine precisa l’edizione numero 9 de La Guarimba International Film Festival, disegnata da Mikel Murillo, illustratore ufficiale del festival, che racconta il vissuto di un anno fa, durante il lockdown: gli animali che si riappropriano delle città deserte. Un manifesto che rimanda alla tematica della sostenibilità ambientale, principio fondante de La Guarimba che porta avanti il progetto Cambur, anima ecologica dell’evento.  La Guarimba International Film Festival è in programma dal 7 al 12 agosto ad Amantea.

La pandemia deve trasformarsi in occasione di cambiamento, riflettere sull’umanità, sulla crisi ambientale, sull’integrazione e la libertà dei popoli e dell’individuo. Valori che La Guarimba porta con sé da quando è stata ideata, perché qui il cinema è prima di tutto un atto sociale, rito collettivo ed esempio di vita comunitaria. Un festival che ha l’obiettivo di portare avanti tematiche sociali di rilievo, prima dei grandi nomi del cinema, per sostenere produzioni di giovani artisti indipendenti e aprire riflessioni sul presente.

Il festival internazionale dedicato al cortometraggio, ideato da Giulio Vita e Sara Fratini e realizzato sotto l’alto patrocinio del Parlamento europeo, con il sostegno di 8 ambasciate da tutto il mondo, torna per “riportare il cinema alla gente e la gente al cinema” nella città dove la sala più vicina dista oltre 30 chilometri: «È stato un anno difficile per il settore cinema e audiovisivo – commenta il direttore de La Guarimba Giulio Vita – ma la nostra squadra non si è arresa e ha lavorato duramente per garantire una programmazione di qualità che abbraccia stili, poetiche e culture diverse. Abbiamo il dovere come associazione di garantire il diritto alla cultura».

Sono oltre 28mila gli spettatori che La Guarimba ha coinvolto nelle passate 8 edizioni. Quest’anno, dopo aver registrato circa 3mila presenze in 6 giorni nella scorsa edizione, il Festival ha ricevuto oltre 1174 corti da 80 paesi del mondo.

Un programma con 172 opere, di cui 94 dirette da donne, provenienti da 56 paesi di tutti i continenti. Dati che confermano la missione di rappresentare culture, linguaggi e tradizioni diversi, portando ricchezza e varietà culturale in un paesino calabrese senza cinema.

Una selezione accurata quella dei programmatori Alex Spagnolo (coordinatore), Marta Miquel, Mikel Murillo, Valeria Weerasinghe, Sara Fratini e Giulio Vita, che hanno selezionato le opere più emozionanti in grado di raccontare il mondo e le mille sfaccettature della vita, con occhi e angolazioni diversi racchiuse in 5 sezioni in concorso (Fiction, Animazione, Documentario, Videoclip e Insomnia).

Come ogni anno il cartellone si arricchisce di programmi speciali: tra le novità della IX edizione la sezione El Guayabo, documentari dedicati alla diaspora venezuelana degli ultimi 10 anni; Focus Lituania, cartellone realizzato in collaborazione con Lithuanian Shorts; e A screen for Glas Animation sezione nata per supportare il festival d’animazione californiano “GLAS Animation” che quest’anno non potrà svolgersi in presenza. Torna il programma dedicato all’Africa Subsahariana a cura di Keba Danso, Karmala, e dagli Stati Uniti arriva invece la sezione Americania a cura di Sam Morrill.

La Guarimba trasforma la Calabria nel centro del mondo con una ricca programmazione anche per i giovani spettatori. Un festival nel festival a cura di Valeria Weerasinghe, realizzato in collaborazione con Unicef Italia, che propone 100 corti per bambini e ragazzi: La Grotta dei Piccoli.

Italia

Soluzioni logistiche: l’importanza di un servizio di trasporti e spedizioni professionale

Il settore della logistica e delle spedizioni continua a confermarsi un asset strategico per numerose attività professionali

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Alla crescita della richiesta di servizi professionali oggi, contribuiscono anche le nuove necessità scaturite dal boom del commercio online, che ha reso il trasporto su gomma un alleato fondamentale sia per gli utenti privati, che in questo modo possono entrare in possesso del loro ordine nel giro di brevissimo tempo, sia delle varie realtà aziendali che hanno così modo di espandere il loro business.

In questo contesto, spicca la centralità della regione della Lombardia, che con il suo tessuto imprenditoriale fiorente e variegato, rappresenta una delle zone in cui si concentra maggiormente la domanda.

Il territorio lombardo, però, a causa della sua conformazione geografica, non è sempre facile da percorrere e talvolta può rappresentare una sfida impegnativa. Per questo motivo, chi la necessità di movimentare grossi quantitativi di merci, o di trasportare carichi particolarmente ingombranti o pericolosi, ha dunque bisogno di affidarsi a un partner operativo affidabile, competente e dalla lunga esperienza sul campo.

È il caso di Pesenti Trasporti &Logistica, che da oltre sessant’anni si occupa di trasporti e spedizioni per la Lombardia avvalendosi di una flotta di mezzi all’avanguardia e con un servizio che si contraddistingue per efficacia, sicurezza e rapidità. Il tutto anche grazie alla collaborazione con numerosi centri di deposito dislocati lungo il territorio.

Trasporto merci: il ruolo chiave della logistica

Uno degli aspetti fondamentali quando si parla di trasporto merci è la logistica, che va gestita sempre al meglio, ma soprattutto in territori caratterizzati da una grande varietà ambientale e territoriale, nonché da un’alta densità abitativa.

Durante la movimentazione dei carichi, infatti, può capitare che la merce debba essere stoccata in magazzini: per questo motivo, scegliere una ditta di trasporti che possa contare su un’ampia rete di depositi è un aspetto fondamentale di cui tenere conto. Pesenti, ad esempio, oltre a un grande hangar che funge da magazzino principale, può contare su numerose aree deputate allo stoccaggio.

Nel momento in cui il carico viene depositato in magazzino, rimane di responsabilità della ditta di trasporti, motivo per cui risulta fondamentale affidarsi a operatori esperti che si avvalgono sia di personale preparato, che di sistemi di movimentazione moderni e all’avanguardia.

Il trasporto di merci pericolose

Se si ha la necessità di trasportare merci pericolose è necessario affidarsi a ditte del settore specializzate nella gestione dei carichi cosiddetti A.D.R., un servizio che richiede professionalità, competenza e l’uso di attrezzature e materiali specifici.

Inoltre, un ulteriore aspetto da non sottovalutare in questo caso è la catalogazione della merce, la quale è a carico del servizio di trasporto. Per fare in modo che l’ordine giunga a destinazione integro e nei tempi previsti, il personale incaricato ha il compito di analizzare la merce e di classificarla in modo da rendere il quanto più scorrevole possibile tutte le operazioni.

Pesenti, a questo proposito, effettua una vasta gamma di trasporti, da quelli completi ai parziali a quelli chiamati “gran volume”, fino al trasporto intermodale. Per aziende che hanno la necessità di far viaggiare piccoli quantitativi di merce può risultare indicata la modalità nota come less than truckload mentre al contrario, se l’ingombro è massimo si può ricorrere al full truck load.

 

Continua a leggere

Italia

Tappezzeria: ecco i servizi professionali più ricercati sul web

La tappezzeria è un’arte molto più antica di quanto non si potrebbe immaginare. Le prime tecniche di tappezzeria risalgono addirittura ai tempi degli Egizi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Non mancano poi le citazioni letterarie, a partire da Omero e dai tessuti decorati realizzati da Penelope, la celebre moglie di Ulisse. La Bibbia stessa, all’interno dell’Esodo, fa riferimento diretto a dei tessuti decorati presenti all’interno del Tempio di Gerusalemme. Detto ciò, l’abitudine a realizzare stoffe decorate si diffuse innanzitutto in Francia, a partire dall’VIII secolo d.C. e, successivamente, nel resto d’Europa tra l’Xi e il XIII secolo d.C.

Non a caso la parola tappezzeria deriva proprio dal francese “tapisser”, che letteralmente significa “foderare”. A sua volta “tapisser” deriva dal latino “tapes”, che significa letteralmente “coperta da letto”. Oggi la tappezzeria comprende tante diverse tecniche di arte e di artigianato: può avere a che are con il rivestimento di pareti, di mobili, persino degli interni di automobili e veicoli vari. I materiali con cui vengono realizzati questi rivestimenti appartengono fondamentalmente a tre macro-categorie: quella dei tessuti, quella dei pellami e quella della carta da parati. Ciascuna di questa si rivela più o meno adatta in base alla superficie da ricoprire e al contesto in cui deve essere inserita.

In ogni caso prima di procedere nella scelta della soluzione più adatta alle proprie necessità è bene rivolgersi ad un tappezziere che offra la soluzione ricercata. Per trovarlo è possibile affidarsi a Prontopro.it, sito web dove richiedere in modo facile e veloce il servizio di proprio interesse

Servizi di tappezzeria professionale

Una volta conosciuti i fondamentali della tappezzeria, non resta che scoprire quali siano i principali servizi richiesti da chi si rivolge a un professionista del settore. A moltissime persone, ad esempio, capita di dovere rifoderare un divano o una poltrona del salotto, piuttosto che un letto: anche i mobili di qualità tendono a usurarsi col passare del tempo e un’operazione di questo genere permette di donare nuova linfa all’elemento in questione. In questo caso rinfoderare significa quindi anche risparmiare il denaro che sarebbe necessario all’acquisto di un nuovo mobile.

Un altro servizio particolarmente apprezzato è quello di applicazione della tappezzeria sulle pareti: da questo punto di vista il caso più eclatante è sicuramente quello della carta da parati, che viene quotidianamente applicata sulle superfici più disparate. La carta da parati permette di affacciarsi all’ambito più ampio dei interior design: progetti che possono coinvolgere più ambienti e che, talvolta, richiedono anche interventi di tappezzeria. Infine è impossibile non citare la tappezzeria legata al mondo delle automobili, ma anche le operazioni più particolari: ad esempio la realizzazione di tendaggi su misura.

I migliori servizi di tappezzeria

I professionisti della tappezzeria non sono sempre facili da trovare. Il rischio infatti è quello di ritrovarsi a girare in lungo e in largo per il proprio quartiere, nella speranza di trovare un artigiano effettivamente in grado di portare a termine il lavoro di cui si ha bisogno. Per fortuna piattaforme come ProntoPro, facilitano la ricerca.

Tra i servizi più ricercati ci sono quelli di realizzazione di divani e di poltrone, ma anche quelli di riparazione: un ramo apprezzato soprattutto nel caso degli interni delle vetture. Allo stesso modo sono richiestissimi i tappezzieri in grado di restaurare mobili: dalle serie alle poltrone, passando per i divani. Quando si effettua una ricerca di questo tipo è molto importante specificare il tipo di materiale da lavorare, facendo riferimento alle tre macro-categorie già elencate precedentemente: la carta da parati, i pellami e i tessuti.

 

Continua a leggere

Italia

Gli scioperi aerei di agosto e i diritti dei passeggeri

Non sembra avere battute d’arresto l’ondata di scioperi del trasporto aereo che sta caratterizzando l’estate del 2022. Come chiedere il rimborso

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Giugno e luglio sono stati mesi da record in quanto a proteste, voli in ritardo e voli cancellati. Arrivati a metà agosto possiamo affermare che la situazione per i passeggeri è migliorata anche se le proteste non si fermano dal momento che si stima che al 31 del mese saranno oltre 15mila i voli annullati. È il momento di conoscere il calendario delle prossime proteste e di scoprire i diritti dei passeggeri aerei da far valere in caso di disservizi o cancellazioni improvvise dei voli.

Il calendario degli scioperi aerei di agosto

Gli scioperi dei voli aerei annunciati per agosto e per i mesi successivi coinvolgeranno sia compagnie di bandiera che operatori del trasporto low cost. Iniziamo dalle prime. Le proteste più importanti sono arrivate dalla British Airways che a causa degli scioperi dei piloti si è vista costretta a cancellare oltre 30mila voli in questa stagione. Si lotta per ottenere miglioramenti contrattuali e sul fronte dei salari e il risultato è stato l’interruzione di moltissime tratte a medio-corto raggio.

Al momento non è previsto, invece, nessuno sciopero ITA Airwarys. Sottolineiamo al momento perché nel nostro Paese vige la “franchigia estiva”, periodo che va dal 27 luglio al 5 settembre in cui non possono essere effettuati scioperi. Con il cambio di mese, però, non sono da escludere proteste.

Nessuna interruzione delle manifestazioni, invece, per EasyJet e Ryanair che prevedono scioperi in tutti i weekend di agosto. Pronti alle barricate proprio gli operatori di Ryanair che, visto lo stallo nelle negoziazioni contrattuali, sono pronti a scioperare a intervalli regolari fino al prossimo gennaio.

I diritti dei viaggiatori in caso di ritardo o cancellazione del volo

Le proteste legittime degli operatori rischiano di causare non pochi problemi ai passeggeri aerei che hanno deciso di tornare a viaggiare dopo due anni contraddistinti dalle restrizioni per la pandemia. Viaggiatori che hanno comunque una serie di tutele da far valere ben esplicate nella guida ai diritti dei passeggeri aerei recentemente redatta da AirHelp, società che da alcuni anni si occupa di rimborsi e risarcimenti.

Nella maggior parte dei casi chi subisce un disservizio ha diritto al rimborso del biglietto pagato e a una compensazione pecuniaria. E questo sia in caso di ritardo che di cancellazione del volo.

Iniziamo dai rimborsi per il ritardo del volo. I risarcimenti per i ritardi si applicano soltanto se il volo arriva con un minimo di 3 ore di ritardo rispetto a quanto programmato e se le cause non rientrano nella fattispecie di quelle che la legge definisce “circostanze eccezionali”. L’entità della compensazione dipende dalla lunghezza dal volo. Per le tratte UE inferiori ai 1.500 km ai passeggeri spettano 250 euro. Per quelle comprese tra i 1.500 e i 3.500 km si passa a 400 euro. Nei voli più lunghi di 3.500 km il rimborso è di 600 euro.

L’entità monetaria del risarcimento resta la stessa anche se il volo viene cancellato. In questo caso, però, la disciplina è leggermente diversa. I passeggeri non hanno diritto a nessun rimborso se la cancellazione viene comunicata con 14 giorni di preavviso. Oppure se la comunicazione arriva tra i 13 e i 7 giorni precedenti alla partenza e la compagnia offre un volo sostitutivo che parte al massimo 120 minuti prima di quello pagato e arriva non più di 3 ore dopo. O ancora se la cancellazione viene comunicata meno di una settimana prima e al posto dell’aereo prenotato ne viene offerto un altro che parte al massimo 60 minuti prima e arriva 2 ore dopo.

In caso di cancellazione i passeggeri hanno due strade. Se scelgono di accettare la proposta della compagnia hanno comunque diritto al risarcimento economico. Se invece rifiutano hanno diritto al rimborso del volo pagato e a un eventuale trasporto verso la località di partenza.

Come chiedere il rimborso per il volo in ritardo o cancellato

Per richiedere il rimborso ci sono due possibilità. Seguire in prima persona la pratica oppure affidarsi a realtà come AirHelp che possono effettuare la richiesta di risarcimento al posto nostro. Nel primo caso dovremo avere a disposizione la carta d’imbarco e la conferma della prenotazione. A queste dovremo aggiungere tutte le ricevute fiscali delle spese aggiuntive che eventualmente dovremo affrontare in caso di disservizio. Se il volo è in ritardo è fondamentale documentare con foto e immagini l’orario di arrivo dell’aereo.

Una volta messa insieme la documentazione dovremo recarci presso lo sportello della compagnia, chiedere spiegazioni del ritardo o della cancellazione e poi compilare i moduli per avviare la pratica. Ricordiamo anche che cibo, bevande e un’eventuale sistemazione alberghiera se accettiamo un volo alternativo spettano all’operatore.

In alternativa possiamo decidere di affidare direttamente la pratica ad AirHelp. Per farlo ci basterà inserire tutti i dati del volo e i documenti nel form del sito dell’azienda. Con pochi passaggi potremo capire se ci spetta un rimborso per poi decidere di accettare che gli esperti della startup seguano l’iter al posto nostro.

 

Continua a leggere

Di tendenza