Sei alimenti per umani che sono pericolosi per il vostro cane         - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Sei alimenti per umani che sono pericolosi per il vostro cane        

Anche chi non ha mai avuto un cane sa benissimo cosa accade a tavola quando c’è un amico a quattro zampe

Avatar

Pubblicato

il

Ogni portata viene consumata sotto l’occhio languido – e a volte supplicante – di un dolce animaletto peloso la cui ragione di vita, in quel momento, sembra essere solo e unicamente l’assaggiare ciò che avete nel piatto. Anche i più duri di cuore, a lungo andare, finiscono per cedere, e così il pranzo e la cena vengono quasi sempre divisi con il proprio cane. Per non parlare di quando a casa ci sono dei bambini, assolutamente incapaci di dire di no a qualsiasi richiesta del loro migliore amico.

Questa pratica, tuttavia, non sempre è consigliabile, e non solo perché non è un buon modo di educare il proprio cane. Ci sono infatti degli alimenti che, per lo stomaco dei cani, sono dei veri e propri veleni. E si tratta di prodotti di uso comune, come il cioccolato o la cipolla. Vale dunque la pena di conoscerli e memorizzarli, per evitare che un gesto di affetto si trasformi in un’angosciante corsa dal veterinario. Li abbiamo raccolti per voi: non vi resta che mettervi comodi e continuare a leggere!

  • Caffeina e cioccolato

Dal cioccolato bianco a quello fondente, la teobromina contenuta nel cioccolato non può essere metabolizzata dal vostro cane e, a seconda di fattori come taglia, peso, e anche quantità ingerita, il rischio di un’intossicazione alimentare è decisamente alto. La cioccolata, inoltre, come anche il the e quasi ogni altra bevanda energizzante, contiene caffeina, che altera il battito cardiaco del vostro cane e potrebbe portare conseguenze che vanno dal “semplice” vomito fino alla morte per attacco cardiaco.

  • Avocado

Alimento estremamente in voga negli ultimi anni, l’avocado è ricco di vitamine e oligoelementi che sono un vero toccasana per la salute delle persone. Per il vostro cane, però, l’avocado è soprattutto fonte di persina, che può provocargli dalla nausea all’arresto cardiaco. C’è tuttavia una buona notizia, ed è che la persina si trova principalmente nel nocciolo. Questo esclude almeno i cani di taglia più piccola, che non riuscirebbero a ingerirlo, e vi rende più semplice prestare attenzione.

  • Il cibo per gatti

Capita, e non troppo di rado, che chi ha in casa tanti animali tenda a servir loro una sola varietà di cibo, per ragioni sia di tempo che di risparmio. In verità, per la salute del vostro amico a quattro zampe è necessario servirgli i migliori croccantini per cani, gli unici in grado di dar loro i nutrienti necessari per il loro benessere. Ma soprattutto, è necessario evitare in ogni caso il cibo per gatti, in cui grassi e proteine sono commisurati alle necessità del gatto, e che quindi risultano alimenti “vuoti” per il cane.

  • Pepe, aglio e cipolla

Questi condimenti, estremamente diffusi nella cucina nazionale, sono davvero da tenere sotto controllo. Aglio e cipolla, infatti, contengono solfiti e disolfiti che danneggiano le cellule bianche del sangue e possono causare anemia. Il pepe, invece, provoca problemi digestivi in quanto piccante. E, a proposito di questo: attenzione anche ai peperoni, mai piccanti e sempre tagliati in piccoli pezzi per facilitare la digestione.

  • Pesce e carne crudi

Nonostante una dieta a base di alimenti crudi stia prendendo sempre più piede tra i proprietari di animali, in verità quando si tratta di carne e pesce occorre fare attenzione. In entrambi i casi, infatti, la presenza di batteri che possono causare intossicazioni alimentari è un rischio più che concreto. Cosa fare? In linea generale, sarebbe meglio evitare di servire pesce crudo, mentre per quanto riguarda la carne il consiglio è quello di tenerla prima in un abbattitore o in un congelatore per almeno 5 giorni.

  • Lo xilitolo

Forse pensate di non averne mai sentito parlare, ma in realtà lo xilitolo è il principale aroma artificiale utilizzato per le gomme da masticare e le caramelle che praticamente tutti abbiamo in tasca. Ed ecco perché, data la sua enorme diffusione, si tratta di un alimento particolarmente pericoloso e da tenere sotto controllo. Basta una singola gomma da masticare per provocare una sindrome da avvelenamento che può portare anche alla morte. Tra i sintomi da tenere sotto controllo: vomito e perdita di coordinazione.

Per concludere: attenzione agli alimenti più comuni e apparentemente innocui

Abbiamo elencato finora gli alimenti più potenzialmente pericolosi per il vostro cane, non solo dal punto di vista degli effetti, ma anche per via della loro diffusione, che rende più facile che i cani li ingeriscano, magari anche per sbaglio. Ce ne sono però molti altri, alcuni dei quali facilmente intuibili, come le bevande alcoliche, ma molti, la maggior parte, insospettabili, come la pasta cruda del pane. Il consiglio, dunque, se volete essere completamente sicuri, è quello di utilizzare solo il miglior cibo umido e i migliori croccantini per cani, evitando del tutto di condividere con loro le vostre pietanze.

 

Italia

Call center ITA: nuovo incontro ‘insoddisfacente’, sindacati pronti alla protesta

Ieri l’incontro a Roma, il terzo presso il Ministero del Lavoro, sul cambio d’appalto delle attività di call center di Alitalia/ITA. Sindacati pronti ad una grande mobilitazione 

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – E’ stato ritenuto totalmente insoddisfacente dai sindacati nazionali Slc Cgil, Fister Cisl e Uilcom Uil, l’incontro a Roma al Ministero del Lavoro sulla vertenza che riguarda i call center e il loro passaggio ad ITA che riguarda centinaia di lavoratori di Palermo e Rende. Covisian, la società che si è aggiudicata la gara ha delineato, supportata da ITA, una proposta sui numeri delle persone coinvolte e i tempi di realizzazione e si è detta disponibile ad assumere 240 Fte (circa 380 addetti) entro aprile 2023. “Oltre ad una tempistica considerata eccessivamente lunga – scrivono le sigle sindacali – la proposta lascerebbe fuori 150 Fte dal percorso di assorbimento. Almaviva ha dichiarato che 35 Fte (60 lavoratori circa) non farebbero parte della gara ITA in quanto collegati direttamente a Millemiglia Alitalia e pertanto, potrebbero essere scomputati dal conteggio complessivo”.

Quanto emerso comunque, per i sindacati, non garantisce la totale continuità occupazionale ed è inaccettabile. Le ipotesi di condizioni contrattuali sono tutte da discutere. Per questo motivo le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fister Cisl e Uilcom Uil hanno dichiarato ‘irricevibile’ la proposta formulata, richiamando alla responsabilità tutte le parti in causa: Ministeri coinvolti, la committenza ITA e l’azienda aggiudicataria Covisian. “La vertenza, come dimostrato anche dai fatti accaduti a Palermo, sta assumendo contorni drammatici e non è più rinviabile l’avvio di un percorso concreto e reale che dia certezza occupazionale e salariale a tutte le 613 persone coinvolte. Tenuto conto della situazione prospettata – concludono i sindacati – saranno avviate a breve iniziative di mobilitazione a tutela dell’intero settore dei call center in outsourcing messo in crisi da committenze pubbliche che minano ad eludere le Leggi dello Stato e le norme contrattuali conquistate in anni di lotta e sacrificio dai lavoratori”.

Continua a leggere

Calabria

Ok del Cts all’aumento della capienza in teatri, cinema e stadi

Ieri sera al termine di una riunione durata quasi tre ore, è arrivato il via libera alle aperture del Cts per lo sport e lo spettacolo con un aumento della capienza negli stadi e nei luoghi all’aperto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

 

ROMA – Con il Green pass obbligatorio gli stadi al 75%, i teatri e cinema al 100% all’aperto e all’80% al chiuso. Nei palazzetti e nei luoghi al chiuso si sale al 50% dall’attuale 25%. Nessuna restrizione per i musei. Tutti dovranno essere ovviamente muniti di Green pass. Il Comitato ha così risposto ai quesiti posti dal ministro della Cultura Dario Franceschini e dal sottosegretari con delega allo Sport, Valentina Vezzali. Sarà ora il Governo a decidere in che modi e tempi tradurre le indicazioni degli esperti in un provvedimento di legge. Il Consiglio dei ministri dovrebbe riunirsi già domani.

Slittano le decisioni sulle discoteche

Non è stata invece esaminata la richiesta arrivata dal ministero dello Sviluppo economico di verificare la possibilità di riaprire le discoteche. Il Comitato ha ritenuto possibile un allentamento delle misure “sulla base dell’attuale evoluzione positiva del quadro epidemiologico e dell’andamento della campagna vaccinale”. Ma, sottolinea il portavoce Silvio Brusaferro, è opportuna “una progressione graduale nelle riaperture, basata sul costante monitoraggio dell’andamento dell’epidemia combinato con la progressione delle coperture vaccinali nonché degli effetti delle riaperture stesse”.

Per quanto riguarda gli eventi sportivi, il Cts raccomanda che “la capienza negli impianti debba essere rispettata utilizzando tutti i settori e non solo una parte al fine di evitare il verificarsi di assembramenti in alcune zone e che siano rispettate le indicazioni all’uso delle mascherine chirurgiche e ci sia la vigilanza sul rispetto delle prescrizioni”.

L’indicazione per teatri, cinema e sale concerti potrà essere rivista nell’arco del prossimo mese. Il Comitato invita anche in questo caso a “rispettare le indicazioni all’uso delle mascherine durante tutte le fasi degli eventi”, nonchè a porre “massima attenzione alla qualità degli impianti di aereazione”, con la vigilanza sul rispetto delle indicazioni.

Il decreto sul Green pass prevedeva all’articolo 8 che il Cts licenziasse entro il 30 settembre un parere “sulle misure di distanziamento, capienza e protezione nei luoghi nei quali si svolgono attività culturali, sportive, sociali e ricreative” in vista “dell’adozione di successivi provvedimenti normativi e tenuto conto dell’andamento dell’epidemia, dell’estensione dell’obbligo di certificazione verde Covid-19 e dell’evoluzione della campagna vaccinale”.

Si valuta la riduzione della quarantena per i vaccinati

Altro punto su cui potrebbe esserci a breve una valutazione da parte degli esperti del Comitato è la riduzione della quarantena per i vaccinati. “Credo – ha spiegato il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri – che arriveremo a togliere la quarantena ai vaccinati passando per una ulteriore riduzione. E’ un momento di transizione questo, le cose stanno andando molto bene, osserviamo ciò che accadrà nelle prossime settimane come i contagi dopo aver riaperto tutto, comprese le scuole. Poi penso che sia auspicabile e di buonsenso liberare chi è vaccinato dalle quarantene”. Se non si fa subito, ha sottolineato, “è perché vi è sempre il rischio di varianti”. Infine, iniziativa della diocesi di Prato.

Con una disposizione contenuta in un decreto firmato dal vescovo Giovanni Nerbini si chiede a sacerdoti, diaconi e operatori pastorali che svolgono un servizio stabile e continuativo come catechisti, sacrestani, animatori e volontari di sottoscrivere una autodichiarazione nella quale si esplicita di aver ricevuto il vaccino contro il Covid (con una dose da almeno 14 giorni o con entrambe le dosi), oppure di essere guariti dall’infezione da Covid da non oltre 180 giorni oppure di aver conseguito l’esito negativo di un tampone molecolare effettuato entro le 72 ore o antigenico o salivare entro le 48 ore.

Continua a leggere

Italia

Terza dose a over 80, Rsa e sanitari a rischio. Per tutti gli altri si valuteranno i dati

In base all’andamento della pandemia si valuterà, dunque, se estendere le vaccinazioni a tutta la popolazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – “Partiamo con la terza dose per ottantenni, ospiti delle rsa e personale sanitario. Diamo subito più protezione ai più fragili e a chi lavora nei presidi sanitar”. Lo ha detto il Ministro Roberto Speranza commentando la nuova circolare del ministero della Salute sulla somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid. Soggetti dagli 80 anni di età, personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani e, in un momento successivo, gli esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi, a partire dai 60 anni o con patologia concomitante tale da renderli vulnerabili a forme di COVID-19 grave o con elevato livello di esposizione a infezione. Sono le categorie cui verrà somministrata la terza dose di vaccino anti-Covid. Lo indica la nuova circolare del ministero.

Fermo restando la priorità del “raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale con il completamento dei cicli attualmente autorizzati, sarà possibile procedere con la somministrazione di dosi “booster” di vaccino anti SARS-CoV-2/COVID-19 (come richiamo dopo un ciclo vaccinale primario) a favore” di categorie indicate, si spiega nella circolare ‘Avvio della somministrazione di dosi “booster” nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19’ firmata dal direttore della Prevenzione Gianni Rezza. Si tratta dunque di: “soggetti di età over 80; personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani”.

In un “momento successivo, una dose booster potrà essere altresì offerta agli esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali, a partire dai soggetti di età sopra i 60 anni o con patologia concomitante tale da renderli vulnerabili a forme di COVID-19 grave”.

Terza dose in base all’andamento della pandemia

La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi target o della popolazione generale “verrà invece decisa sulla base dell’acquisizione di nuove evidenze scientifiche e dell’andamento epidemiologico”. E’ quanto si legge nella circolare del ministero della Salute sulla terza dose di richiamo della vaccinazione anti-Covid ‘Avvio della somministrazione di dosi “booster” nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19’.

Terza dose anche ai molto fragili con patologie pregresse

In linea con quanto evidenziato dal CTS, la strategia di somministrazione di una dose “booster” “potrà includere anche i soggetti con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/pre-esistenti, previo parere delle agenzie regolatorie“. Lo precisa la nuova circolare del ministero della Salute. Indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario, “sarà per ora possibile utilizzare come dose booster – si sottolinea – uno qualsiasi dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia (Pfizer e Moderna). La dose “booster” va somministrata dopo almeno 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario.

Continua a leggere

Di tendenza