Parte "Fuoricampo", il cinema racconta il territorio in 5 location cosentine - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cultura & Spettacolo

Parte “Fuoricampo”, il cinema racconta il territorio in 5 location cosentine

Da domani e fino al 28 marzo, un fitto programma distribuito in streaming e tramite la piattaforma MyMovies, per valorizzare la cultura cinematografica nei territori di provincia italiani

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Parte domani la seconda edizione di “Fuori Campo”, iniziativa di promozione della cultura cinematografica e audiovisiva, organizzata dal collettivo Rete Cinema Calabria, associazione di professionisti regionali, con il contributo di Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema. L’edizione dal titolo “Il Cinema racconta il Territorio”, si svolgerà in cinque diverse località calabresi, in particolare della Provincia di Cosenza, e consiste in un fitto programma di attività finalizzate tutte alla valorizzazione sia della cultura cine-audiovisiva d’autore, sia delle caratteristiche dei territori di provincia italiani, sempre più spesso scelti quali location di importanti produzioni internazionali. Tra le attività previste nelle cinque giornate della manifestazione: workshop, dibattiti e proiezioni di corti e lungometraggi del cinema indipendente italiano.

L’intera manifestazione sarà trasmessa in streaming sulle pagine Facebook e YouTube di Rete Cinema Calabria, mentre le proiezioni dei film saranno fruibili sulla piattaforma MyMovies.

I luoghi dell’iniziativa sono scelti per valorizzare le particolarità del territorio calabro: il Mare, la Montagna, i Borghi, la Tradizione enogastronomica, il Turismo esperienziale.

Questi luoghi, per l’occasione, diventeranno oggetto di riflessione e valorizzazione cine-turistica, con i dibattiti in programma che vedranno la partecipazione di ospiti prestigiosi, quali i registi Marco De Angelis, Antonio di Trapani, Marco Spagnoli, Antonio Martino e i produttori Gabriele Mainetti, Donatella Palermo, Emanuele Nespeca, Luca Marino; poi ancora: lo scrittore Gioacchino Criaco, il Direttore Distribuzione di Medusa Film Paolo Orlando, il Presidente della Cineteca della Calabria Eugenio Attanasio e rappresentanti di ANEC, AGICI, Confartigianato, CNA cinema e audiovisivo, FAI, Parco Nazionale della Sila e Parco Nazionale del Pollino.

“Fuori Campo – Il Cinema racconta il Territorio” vuole accendere un riflettore non solo su un territorio specifico, la Calabria quale set cinematografico, ma su tutto il mondo dello spettacolo e della cultura nazionale, promuovendo il cinema d’autore e le riflessioni sulle ricadute economiche ed occupazionali che la produzione culturale dovrà favorire sempre più in epoca post-Covid.

Programma Completo

Diamante (CS) – GIORNO 1– 24 Marzo / TAPPA: “Mare”

17.00: TALK
– Eugenio Attanasio (Presidente Cineteca della Calabria)
“La Calabria di Vittorio De Seta”
– Donatella Palermo (Produttrice, Stemal Entertainment)
“Valentina Pedicini, Vittorio De Seta, Gianfranco Rosi”
– Andrea Belcastro (Regista)
“La memoria e il mare”

Durante il Talk:
Video-racconto su Diamante, di Ivana Russo

19.00: WORKSHOP
“Animazione e realtà nel documentario contemporaneo. Da Gianfranco Rosi a Zerocalcare”, a cura di Alma Mileto (Dottoranda musica e spettacolo, La Sapienza)

21.00: PROIEZIONI sulla piattaforma MyMovies
– Cortometraggio: “Deshdentau, l’Ultimo Tabarkino”, di Andrea Belcastro (19’, 2019)
– Documentario: “Faith”, di Valentina Pedicini (93’, 2019)

Laino Borgo (CS) – GIORNO 2 – 25 Marzo / TAPPA: “Borghi”

17.00: WORKSHOP
“L’inarrestabile evoluzione della camera stylo – Come la tecnologia digitale ha creato la figura del film-maker”, a cura di Antonio Martino (Regista)

18.30: TALK
“Il Parco del Pollino nello sviluppo del cinema e dei territori”
– Domenico Pappaterra (Presidente Ente Parco Nazionale del Pollino)
– Mariangelina Russo (Sindaco Comune di Laino Borgo)
– Francesco Canducci (Presidente Pro Loco Laino Borgo)
– Antonio Trani (Founder & Ceo River Tribe)
– Antonio Romagnoli (Direttore Artistico “Pollino Film Festival”)

“Tradizioni da ‘riprendere’, storie da documentare e ritorni”
– Emanuele Nespeca (Produttore, Solaria Film)
– Matteo Russo (Regista)
– Antonio di Trapani (Regista)

Durante il Talk:
Video-racconto su Laino Borgo, di Francesco Cristiano

21.00: PROIEZIONI sulla piattaforma MyMovies
– Cortometraggio: “Amare Affondo”, di Matteo Russo (16’, 2019)
– Documentario: “Terra”, di Marco De Angelis e Antonio di Trapani (63’, 2015)

Marano Marchesato (CS) – GIORNO 3 – 26 Marzo / TAPPA: “Turismo esperienziale”

17.00: WORKSHOP
“Laboratorio di Film-making con ragazzi diversamente abili”, a cura di Barbara Rosanò e Mauro Nigro, in collaborazione con l’Associazione “Con Paola”

17:30: PROIEZIONE sulla piattaforma MyMovies
– Cortometraggio: “Io la Sedia me la porto da Casa”, di Aurora Deiana (15’, 2018)

18:00: TALK
“La Cultura e i Borghi: il Turismo esperienziale”
– Marta Ghelma (Giornalista freelance)
– Federico Bria (Segretario Generale Banca Credito Cooperativo Mediocrati)
– Loredana Ambrosio (Segretaria Regionale Confartigianato Imprese Calabria)
– Eduardo Vivacqua (Sindaco Comune di Marano Marchesato)
– Nicola Ragone (Regista)
– Nicola Raguso (Segretario Generale “Festival della Valle d’Itria”)
– Francesco Lattarulo (Coordinatore CNA Cinema e Audiovisivo under 40)
– Antonio Gentile (Sindaco Comune di Sapri)
– Francesco Bevilacqua (Cercatore di luoghi perduti)
– Carmine Lupía (Presidente “Cammino Basiliano”)
– Loredana Ambrosio (Segretaria Regionale Confartigianato Imprese Calabria)
– Luigi Vitelli (Project manager “Vado Verso dove Vengo”)

Durante il Talk:
Video-racconto su Marano Marchesato, di Mauro Nigro

21:00: PROIEZIONE sulla piattaforma MyMovies
– Documentario: “Vado Verso Dove Vengo”, di Nicola Ragone (60’, 2019)

I Giganti della Sila (CS) – GIORNO 4 – 27 Marzo / TAPPA: “Montagna”

17.00: WORKSHOP
“Scrittura creativa: dal romanzo al cinema”, a cura di Giocchino Criaco (Scrittore)

18.30: TALK
“Il marketing territoriale in relazione al cinema”
– Barbara Carelli (Responsabile comunicazione e marketing Ente Parco Nazionale della Sila)
– Simona Lo Bianco (Responsabile operativa I Giganti della Sila)

“Le Film Commission nell’epoca Covid”
– Simone Gandolfo (Delegato ai territori AGICI)

“Le location e la funzione dello spazio filmico”
– Giuseppe Colonese (Video artista)

Durante il Talk:
Video-racconto su I Giganti della Sila, di Luigi Simone Veneziano
Corto musicato “Wild Wild Sila”, con le musiche di The Kertians

21:00: PROIEZIONI sulla piattaforma MyMovies
– Cortometraggio: “Hide and Sick”, di Giuseppe Colonese (6’, 2020)
– Lungometraggio: “Arbëria”, di Francesca Olivieri (80’, 2019)

La Peschiera San Lorenzo del Vallo (CS) – GIORNO 5 – 28 Marzo / TAPPA: “Produzione enogastronomica”

17.00: WORKSHOP
“Dimenticare il Divano. Forme e piattaforme produttive e distributive nel futuro scenario dell’intrattenimento post-Covid”, a cura di Paolo Orlando (Direttore Distribuzione Medusa Film)

18.30: TALK
“Vinum Vita Est”
– Giovanni Gagliardi (Editor di Vinocalabrese.it)
– Daniela Gallo (Azienda Vitivinicola La Peschiera)

“La sala cinematografica in epoca Covid”
– Giuseppe Citrigno (Presidente Anec Calabria)

“Produrre in Calabria”
– Luca Marino (Produttore, Indaco Film)

“Cecchi Gori – Una Famiglia italiana”
– Marco Spagnoli (Regista)

“Da ‘The Millionairs’ a ‘Freaks Out’: la Calabria come set”
– Gabriele Mainetti (Regista e Produttore, Goon Films)

Durante il Talk:
Video-racconto su La Peschiera, di Ivana Russo

21:00: PROIEZIONI sulla piattaforma MyMovies
– Cortometraggio: “The Millionairs”, di Claudio Santamaria (14’, 2017)
– Documentario: “Cecchi Gori – Una Famiglia italiana”, di Simone Isola e Marco Spagnoli (90’, 2019)

Cultura & Spettacolo

Cosenza: domani la prima cinematografica de “La sciarpa della pace”

Domani, lunedì 6 settembre alle ore 18 al cinema San Nicola di Cosenza, la prima cinematografica de “La Sciarpa della pace”.

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Un progetto meraviglioso che ha prima fatto sì che si realizzasse un manufatto, intrecciato da mille storie, con il solo scopo di raccontare le memorie ed in particolare quella dei nonni. Ed ora il docufilm, interamente girato in città, che racconta una storia tra due gemelle mai nate, le quali – attraverso un filo conduttore- sono legate ed avvolte da quella stessa sciarpa intrisa dai colori dell’arcobaleno”, ha spiegato Maria Brunella Stancato anima e cuore dell’iniziativa. “La sciarpa vuole far sentire tutti avvolti in un caldo abbraccio che profumi di accoglienza e che l’indifferenza non regni mai nei cuori delle persone”, il pensiero dei protagonisti.

Al casting hanno partecipato ben 268 attrici professioniste, tutte con un curriculum prestigioso; alcune di loro sono state chiamate a svolgere ruoli in fiction nazionali importanti. “Ci siamo chiesti se potevamo avviare un percorso virtuoso per promuovere la Settima Arte, scegliendo e donando la possibilità ad attrici ed attori calabresi di recitare in un cortometraggio che parla di amore, di legami, di shoah e di due sorelle che si sono ritrovate. Il filo, la matassa, il lavoro continuo e laborioso delle nonne a volte crea delle connessioni e degli intrecci misteriosi. Le nostre attrici sono due donne calabresi: Teresa Scaglione (nel ruolo di Una) dolce, sensibile, longilinea con i capelli sinuosi che le danno un senso di leggiadria come la rugiada che si posa sui fiori al mattino; Raffaella Reda (nel ruolo di Altra) il contrario, un concentrato di forza e di energia che si leva in volo libera e felice ed Antonello Lombardo (il Dr. Ricciardi Medico Chirurgo) un attore navigato, che spazia dai ruoli drammatici a quelli più intriganti con un curriculum di grande spessore”.

La regia è di Gianfranco Confessore, mentre la produzione è dell’associazione “Volare a Santo Stefano” di Antonio Volpentesta. Alla Prima saranno presenti gli attori protagonisti, le comparse, gli sponsor, i sindaci che hanno patrocinato la realizzazione del Docufilm e tutti i presidenti dei centri di aggregazione anziani che hanno realizzato la Sciarpa della Pace.

Continua a leggere

Cultura & Spettacolo

Cinema, Alessio Boni ad Acri “Calabria potenziale intoccato”

L’attore ha ricevuto un premio nell’ambito del Festival contro le mafie, giunto alla XI edizione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ACRI (CS) – Alessio Boni è stato premiato a CineIncontriamoci: «La Calabria, potenziale intoccato». L’attore ha ricevuto il premio ad Acri, dopo un soggiorno di riscoperta della Calabria. Il Festival contro le mafie, giunto alla XI edizione, dal 2016 celebra il cinema e rilancia la Calabria d’autore “Per la capacità di interpretare l’essenza più profonda del cinema. Bravura ed esempio”: così recita il premio che CineIncontriamoci ha consegnato ad Alessio Boni, venerdì 27 agosto ad Acri, in una piazza gremita di persone.

Nato nel 2016, il piccolo, tenace festival del cinema provincia di Cosenza è tornato per la sua XI edizione – dopo lo stop per la pandemia – con il patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale e con il tema portante “La Bellezza salverà il mondo“, celebrando ancora una volta il cinema nazionale di qualità e le personalità calabresi che si sono distinte nella cultura, nell’arte e nella società, contro le mafie e le ingiustizie di una terra meravigliosa e problematica.

Continua a leggere

Cultura & Spettacolo

Premio Mia Martini, Scalea ospiterà tre giornate di incontri artistici

La Calabria aprirà le porte del successo a tanti giovani promesse, grazie al Premio Mia Martini giunto alla XXVII edizione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SCALEA (CS) – Dall’1 al 3 giugno ospiterà gli incontri artistici del premio Mia Martini, presso il complesso turistico “Parco dei Principi”. Le cento ugole italiane e straniere arriveranno in Calabria con il sogno di farsi strada nel mondo del canto. Tre giorni di canto, studio, dirette radio e speciali tv consentiranno a questi giovani di crescere artisticamente.

Al termine dei tre giorni la commissione artistica sceglierà coloro che potranno presentare il brano inedito per partecipare alla fase finale radiofonica per conquistarsi il posto alla finale di Bagnara Calabra città natia della grande ed indimenticabile Mia Martini. “La tre giorni rappresenta un grande momento di crescita per i tanti giovani” afferma il regista Nino Romeo, ideatore ed organizzatore dell’evento. Il premio ogni anno riesce ad individuare nuove musicalità e incroci musicali e culturali.

La Commissione artistica dell’evento è composta da: Franco Fasano direttore artistico del premio, Mario Rosini, Deborah Summa, Elvezio Fortunato. Il tutto realizzato secondo le norme governative anti Covid. Il premio Mia Martini accende una luce di speranza per il futuro di tanti giovani artisti, in un momento particolare come il tempo che stiamo vivendo.

Continua a leggere

Di tendenza