La febbre è un sintomo del covid-19, in arrivo l’anello intelligente che la prevede

Un anello intelligente riesce a prevedere se arriverà la febbre e se stanno per manifestarsi gli altri sintomi tipici di influenza e Covid-19, come tosse e affaticamento

 

L’anello, realizzato dalla start up finlandese Oura da cui prende il nome, grazie a un algoritmo riesce a combinare e interpretare alcuni parametri biologici monitorandoli costantemente, come la temperatura corporea, il ritmo del respiro, la frequenza del battito cardiaco e il livello di attività fisica. Le caratteristiche dell’anello sono illustrate sulla rivista Scientific Reports dai ricercatori dell’Università della California, a San Diego e San Francisco, e del Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston.

Le prime analisi, che prevedono un numero complessivo di circa 65.000 persone, mostrano che un’alterazione della temperatura si verifica un paio di giorni prima che si manifestino i sintomi del coronavirus. Grazie ai dati raccolti, gli autori dello studio sperano di completare lo sviluppo dell’algoritmo entro la fine dell’anno e che possa aiutare le autorità sanitarie a contenere la diffusione del coronavirus.

“Non si tratta solo di una questione scientifica, ma anche sociale”, sottolinea Benjamin Smarr, dell’Università della California a San Diego, tra i coordinatori dello studio. L’idea degli esperti è quella di eliminare dai dati ogni possibile informazione riconducibile all’individuo, a partire dalla sua posizione, associando a ogni persona un numero di identificazione casuale. “Con questi anelli al dito – conclude Smarr – possiamo iniziare a immaginare un sistema pubblico di allerta precoce per il Covid-19”.