Allenarsi a casa: tre esercizi base per ottenere risultati - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Magazine

Allenarsi a casa: tre esercizi base per ottenere risultati

Avatar

Pubblicato

il

E’ una scelta condivisa da un grande numero di persone perchè è possibile tenersi in forma acquisendo il giusto metodo per migliorare, nel tempo, i risultati.

 

COSENZA – Allenarsi a casa: il primo passo per rendere l’attività fisica parte integrante della nostra quotidianità è quello di renderla un’abitudine. Un passo alla volta! La prima cosa da fare è quella di documentarsi sugli esercizi più adatti. Partire dalla consapevolezza della propria forma fisica e agire senza lasciarci sopraffare dallo sprint iniziale, per poi perderci. Il primo trucco è nella continuità. Non bisogna esagerare con i carichi di lavoro e differenziare l’impegno aerobico da quello dedicato al work-out. Agire con metodo. Creando il nostro.

Non è obbligatoria una palestra per ottenere risultati. Bisogna però sapere come allenarsi nel modo corretto.

Allenarsi a casa richiede una buona dose di volontà e qualche astuzia. Ricordiamo sempre che il riscaldamento è fondamentale. Permette al cuore e agli altri muscoli di mettersi in movimento al giusto ritmo respiratorio. Bastano 10 minuti e consiste in movimenti come la corsa sul posto, la cyclette o il tapis roulant. Anche la fase dello stretching è molto importante e andrebbe praticata sia all’inizio che alla fine dell’allenamento sempre per una decina di minuti.

Allenarsi a casa può infatti essere semplice ed efficacie, basta sapere “cosa” e “come fare”.

 

Allenarsi a casa: un programma di allenamento semplice ed efficace

Tieniti in forma con un programma di allenamento divertente, economico e che ti permetta di ottenere risultati. Sei pronto?

Jumping Jack: In piedi con le gambe unite e le braccia lungo i fianchi. Con un salto si divaricano le gambe e, saltellando, si portano le braccia sopra la testa. Dopodiché si ritorna nella posizione di partenza, unendo le mani dietro la schiena. Più veloce è il passaggio da una posizione all’altra, maggiore sarà l’intensità. Ripetiamolo almeno per 25 volte.

 

Jumping Jack è un esercizo composto da due movimenti, un salto a gambe divaricate ed un’apertura delle braccia verso l’alto.

 

Squat L’esercizio consiste in piegamenti sulle gambe per tonificare la muscolatura. Si parte dalla posizione eretta con i piedi a larghezza spalle. La schiena sta diritta, il bacino leggermente indietro, gambe sempre tese. Scendete come se vi voleste sedere su uno sgabello. Anche nella risalita la schiena deve rimanere diritta, con i muscoli lombari e addominali ben contratti. Almeno 20 ripetizioni.

 

Se vuoi migliorare sensibilmente la forza e la tonicità degli arti inferiori devi imparare ad eseguire questo esercizio.

Push-up E’ fantastico per tonificare pettorali, tricipiti e muscoli della spalla. Proni, distesi sul pavimento, con i piedi puntati a terra, partite dalla posizione con le ginocchia appoggiate a terra, mantenendovi con le braccia distese ad altezza spalle. Sollevate le ginocchia e iniziate l’esercizio, piegando le braccia e avvicinando il tronco al pavimento. Non inarcate la schiena e attenzione a non irrigidire il collo. Testa, schiena e gambe devono essere perfettamente allineate in una immaginaria diagonale. Iniziate con 15 piegamenti.

A differenza di quanto possa sembrare, questo esercizio non interessa solo gli arti superiori, ma interessa quasi tutta la muscolatura del corpo.

Magazine

Sisco: buono e dolce, da 11 anni è in canile. L’eroico gesto di Amos

VIDEO – Entrate nei canili e non soffermatevi sull’età anagrafica ma aprite il cuore. Questa settimana l’eroico gesto di un giardiniere che salva un cagnolino caduto in una diga

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

C’è chi è entrato in canile da cucciolo e non è mai più uscito, trascorrendo anni e anni con la speranza di poter trovare una famiglia. Per questo è importante adottare e ancor di più aprire il cuore allo sguardo rassegnato di chi, come Sisco, non è riuscito a trovare una famiglia da ben 11 anni. Gli anziani, i senza speranza, quelle anime il cui tempo ha tolto tutto, e che hanno ancora la forza di urlare la disperazione di una vita vissuta in reclusione. Se potete regalate il sogno della libertà che sarà restituita dall’amore immenso. Sisco è nato nel 2010 e si trova al canile rifugio di Rocca di Neto. Basterà però contattare “Gli invisibili dei canili rifugio – Cosenza” per arrivare dovunque. E’ un cagnolino buono, di taglia media contenuta ed è compatibile con tutti.

L’eroico gesto di Amos che salva un cane caduto in una diga

E’ accaduto a Bell Park Dam, nella provincia di KwaZulu-Natal, in Sudafrica. Il cagnolino di nome Scamp ha rischiato di precipitare nelle cascate. Scivolato giù dalla diga è riuscito a salire su una roccia e grazie a questa intuizione è sopravvissuto ma soprattutto grazie ad un giardiniere di nome Amos che, visto il cane sulla roccia si è offerto volontario per entrare in acqua.

Il cagnolino di nome Scamp è di proprietà di James Stewart, un uomo di 65 anni, e della moglie Stella che stavano passeggiando in quella zona. Proprio la donna è riuscita a fare un video in cui suo marito e il giardiniere salvano il cane, e la clip è già diventata virale sul web. Amos si è legato una corda legata in vita ed è riuscito ad arrivare fino alla roccia dove c’era il cane. Lo ha accarezzato un pò e poi lo ha preso tra le braccia. Lentamente ha attraversato l’acqua fino a tornare a riva.

Continua a leggere

Qui la zampa!

Lizza e il sogno di libertà. Il sacrificio del piccolo Bryson per salvare il suo cucciolo

Lizza è in canile da troppo tempo. Questa settimana la storia del piccolo Bryson, 8 anni, che vende le sue preziose carte Pokemon per far operare il suo cucciolo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Entrate nei canili e non soffermatevi sull’età anagrafica, ma lasciate che lo sguardo, talvolta rassegnato, vi rapisca il cuore. Anche questa settimana la rubrica Qui la Zampa è dedicata agli anziani, cagnolini senza speranza, anime alle quali il tempo ha tolto tutto, anche la forza di urlare e la disperazione di dover vivere reclusi. Soffermarsi sulla loro dolcezza vi farà capire che potete regalare la libertà a chi la desidera con tutte le sue forze. Lizza è una cagnolina che aspetta dal 2013 di trovare una casa. Trasferita a Rocca di Neto nel 2015 è una cagnolina riservata e dolcissima, di taglia medio contenuta e compatibile con tutti.

Bryson, vende le sue preziose carte Pokemon pur di salvare il suo cucciolo

L’amato cagnolino di Bryson, un bimbo di 8 anni della Virginia, Stati Uniti, ha una malattia molto brutta, Parvovirus e per questo necessita di cure immediate e costose che la sua famiglia non può permettersi. Ma il bimbo non si è perso d’animo ed ha deciso di mettere su una bancarella amatoriale fuori casa per vedere la cosa per lui più preziosa: la collezione dei Pokémon, specificando che il ricavato sarebbe stato utilizzato per Bruce.

La risposta della comunità è stata meravigliosa e anche i media locali gli hanno dato ampio spazio. Così la mamma di Bryson, commossa da tanto amore e tanta tenacia del figlio di 8 anni, ha deciso di aprire una raccolta fondi online per ampliare il bacino di donazioni. Superati i 5.000 dollari, hanno deciso di devolverli  per aiutare altri cuccioli in difficoltà. Il lieto fine è servito soprattutto quando l’azienda dei Pokémon nello stato di Washington, appresa la notizia del sacrificio del piccolo ha deciso di inviare alcune carte molto rare a Bryson: “Siamo stati ispirati dalla tua storia sulla vendita delle carte per aiutare il tuo cane, ecco alcune carte per aiutarti a sostituire quelle che hai dovuto vendere”, hanno scritto. Adesso Bryson può giocare con le nuove preziose carte mentre Bruce è sulla via di guarigione.

Continua a leggere

Italia

Risparmiare in casa: i consigli pratici

Risparmiare quotidianamente e avere anche un occhio di riguardo per la salvaguardia dell’ambiente. Ecco alcuni consigli da seguire subito

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Evitare di consumare l’acqua in bottiglia

L’Italia è il primo consumatore pro capite in Europa di acqua confezionata in bottiglia ma la tendenza andrebbe invertita. Infatti, molto studi hanno confermato come un minor consumo di acqua in bottiglia porterebbe a un risparmio di oltre 600 milioni di euro all’anno in Europa e a un calo dell’uso della plastica, il cui livello sta raggiungendo proporzioni allarmanti.

Scegliere le migliori tariffe luce e gas

Risparmiare sulle bollette di casa non è mai stato così semplice. È sufficiente confrontare le migliori offerte luce e gas accedendo a un comparatore di tariffe online come ComparaSemplice per avere un’esaustiva panoramica delle tariffe più convenienti proposte dalle compagnie di luce e gas. In questo modo, è rapido e comodo trovare la soluzione più congeniale per le proprie esigenze senza perdere tempo a navigare tra i vari portali.

Orientarsi su elettrodomestici a basso consumo

Operare scelte consapevoli nell’acquisto dei nuovi elettrodomestici in base all’attuale classificazione energetica è fondamentale ma lo è anche abbassare le bollette con alcuni semplici accorgimenti: impostare lo spegnimento della televisione prima di dormire con la funzione “sleep”, spegnere il forno qualche minuto prima della fine della cottura, utilizzare la lavatrice alla temperatura di 40 gradi, ed effettuare un solo ciclo di lavaggio la sera con la lavastoviglie.

I dispositivi elettronici: istruzioni per l’uso

Un grave errore è quello di lasciare sempre attaccati alla corrente i dispositivi elettronici di uso quotidiano e professionale come pc, tablet, cellulari. Inoltre, mai dimenticare i caricatori attaccati alla presa di corrente senza che i dispositivi siano collegati: un consumo di energia inutile che grava sia sulle bollette che sull’ambiente. Per quanto riguarda il freezer e il frigorifero, attenzione a chiuderli correttamente perché se anche un solo spiraglio rimane aperto faticano a raffreddare aumentando il consumo energetico.

Calcolare la propria impronta energetica

Importante e interessante è poi calcolare il proprio carbon foot print, ovvero quanto le proprie abitudini di consumo gravano sul pianeta. Capire quanta anidride carbonica ciascuno immette nell’ambiente è un valido punto di partenza per modificare le abitudini rendendole più sostenibili a livello ambientale e meno d’impatto sull’economia domestica.

No all’utilizzo eccessivo del phon

Infine, ma non ultimo, ecco il consiglio di non eccedere con l’utilizzo del phon che, per quanto utile e comodo, non è propriamente economico. Infatti, l’uso del phon per mezz’ora corrisponde a 10 centesimi e la cifra raddoppia nel caso di un phon da 2000W. Chi lo usa quotidianamente o per lungo tempo può addirittura arrivare a spendere più di 10 euro al mese. Conviene, allora, ricordarsi di spegnerlo sempre tra una spazzolata e l’altra quando si fa la messa in piega in casa!

 

Continua a leggere

Di tendenza