La prima Opera Musicale in onore della Beata Elena Aiello debutta al Rendano

Cresce l’attesa per “l’opera d’amore per i piccoli” che conquisterà grandi e piccini; con il patrocinio dell’Arcidiocesi di Cosenza – Bisignano

 

COSENZA – Grande attesa per la prima Opera Musicale in onore della Beata Elena Aiello, Fondatrice, insieme a Suor Luigina Mazza della “Congregazione delle Suore Minime della Passione di N.S.G.C.” . Fondata negli anni ’30 nella povertà più assoluta, e completamente affidata alla Provvidenza, che non fece mai mancare a Elena le benefiche sorprese.

Si tratta di un evento spettacolare di grande rilevanza spirituale e storico-culturale che presenta una figura esemplare di santità cristiana, una testimonianza evangelica eroica che ha segnato profondamente la storia e continua a farlo nei giorni nostri. Il racconto si dipana tra la vita semplice della “Monaca Santa”, abnegata nell’opera di protezione verso i bambini che ancora oggi continua in tutto il mondo, e la vicenda di Francesca Bozzarello, rivelata attraverso il personaggio “Martina” (figlia della Bozzarello), ufficialmente considerata dalla Chiesa miracolata da Madre Elena Aiello.

L’Opera Musicale lascerà sognare i milioni di fedeli della Beata Elena,

Un team di artisti di primo livello, otto attori/cantanti e cinque bambine, allieve della Piccola Compagnia Pinco e Pallina, in uno spettacolo di un’alchimia unica e irripetibile, contornato dalle straordinarie musiche di Mario De Lio, dalla regia singolare di Antonio Conti, che trasformano il tutto in un assoluto capolavoro.

Due coppie formidabili di professionisti gli autori, il M° Mario De Lio e la prof.ssa Maria Dora Palermo, il regista Antonio Conti e l’attrice Barbara Bruni. Legati dalla stessa motivazione, gli autori hanno fortemente voluto rendere grazie all’opera della Beata. L’Amore come inevitabile ricchezza dell’umanità, e in particolare per le piccole creature, dimora in ogni scena, impreziosita dallo studio scrupoloso dei testi, e perciò rappresentazione della pura realtà.

Gli stessi saranno presenti in scena, al fianco di attori già noti al teatro del sacro, come la vulcanica Alessandra Chiarello e l’eclettico Marco Silani, e ancora la stella nascente di soli 7 anni Chiara Conti, e i giovani interpreti Giuseppe Conti e Francesco Silani. A dare corpo musicalmente le composizioni cariche di suggestione del M° De Lio, presente sempre in scena e accompagnato da Roberto Ventura alle chitarre e Ivano Pezzulla alla batteria.

Prodotto dalla Compagnia Teatrale Arciere, nella persona del direttore artistico Marco Silani, l’Opera Musicale lascerà sognare i milioni di fedeli della Beata Elena, e lascerà sognanti gli spettatori che per la prima volta abbracceranno questa grande storia d’amore.

Un allestimento ancora più coinvolgente grazie alla spettacolare scenografia virtuale, ideazione firmata Valerio M. Filice (con la consulenza storica di Nat Filice), esaltata dal disegno luci di Paolo Carbone. Scenotecnica Gino Veneruso, Assistente alla Regia Maddalena Molinaro e Illustrazione grafica Alessandro Sposato.

L’iniziativa ha trovato pieno sostegno e collaborazione da parte del Postulatore della causa di Beatificazione Don Enzo Gabrieli e della Madre Generale Eugenia Amodio e l’intera Congregazione Religiosa “Suore Minime della Passione di N.S.G.C.” Patrocinata dal Comune di Cosenza e dal Comune di Montalto Uffugo, nonché sostenuta dalla Fondazione “Lilli”.