ASCOLTA RLB LIVE
Search

Un documentario su “Gioacchino da Fiore, profeta della globalizzazione”

Domani alle 19.30 al Castello Svevo di Cosenza la presentazione del documentario prodotto dall’Associazione Culturale SM.ART intitolato “Gioacchino da Fiore, profeta della globalizzazione”.

 

COSENZA – Il documentario vuole essere uno strumento per divulgare la conoscenza del pensiero dell’Abate Gioacchino da Fiore e rappresenta uno strumento per contribuire a fare comprendere agevolmente il messaggio filosofico e politico del grande pensatore calabrese, che inspiegabilmente non ha ancora trovato spazio nei programmi di studio delle scuole superiori.

Vissuto nel medioevo a cavallo tra il 1100 e il 1200, Gioacchino da Fiore, abate fondatore dell’Ordine Gioachimita, fu capace di parlare con papi e sovrani. Tra i suoi incontri con personaggi noti come l’imepratore Enrico VI Hohenstaufen, con l’imperatrice Costanza d’Altavilla, madre di Federico II e quello con Riccardo Cuor di Leone, che era in attesa di imbarcarsi alla volta della Terra Santa per la terza crociata. Gioacchino da Fiore è da sempre uno degli autori medievali più studiati nel mondo. Pensatore universale andò contro le posizioni teologiche dominanti della Scolastica parigina che sostenevano la consumazione del tempo in attesa del Giudizio Universale. Ma in questa visione, per Gioacchino non c’era spazio per l’azione dell’uomo.

Andando coraggiosamente controcorrente Gioacchino liberò gli uomini dal terrore della Storia, della fine del Tempo, dall’ansia apocalittica. Grazie alla sua robusta armatura teologica capovolse la concezione del tempo e asserendo l’importanza dell’azione umana ha proiettato l’umanità verso un’età della speranza operativa.

Il progetto è realizzato dall’Associazione Culturale SM.ART ed è cofinanziato dalla Regione Calabria, nell’ambito del Piano di Azione e Coesione 2014/2020 per la valorizzazione della cultura calabrese e delle personalitĂ  di rilievo della storia della Calabria.