Il Cammino di Sant'Antonio in Calabria: 'Vogliamo la Regione, con noi' - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Attualità

Il Cammino di Sant’Antonio in Calabria: ‘Vogliamo la Regione, con noi’

Avatar

Pubblicato

il

Il cammino di Sant’Antonio è il primo cammino del Santo che da Capo Milazzo, dove naufragò all’inizio del 1221, lo portò ad Assisi, dove giunse a piedi il 30 maggio dello stesso anno per partecipare al Capitolo generale dei Minori.

COSENZA- Tra poco più di due mesi, l’11 settembre, a San Marco Argentano si terrà l’inaugurazione del primo tratto del Cammino di Sant’Antonio in Calabria, si tratta di un grande appuntamento perché rappresenta il primo atto ufficiale al Sud. La Calabria, quindi, sarà la prima regione del Meridione a vedere il passaggio di questo grande progetto voluto dai frati della Basilica del Santo di Padova e dall’Associazione Il Cammino di Sant’Antonio.
Il referente calabrese dell’associazione Il Cammino di Sant’Antonio, Antonio Modaffari dichiara: “Se da un lato non posso non esprimere grande soddisfazione per la grande partecipazione di tanti comuni, cittadini e associazioni, dall’altro c’è un grande dubbio che non si riesce a comprendere: perché la Regione Calabria è stata completamente assente? Per quale motivo non c’è stato alcun atto concreto verso questo che sarà il secondo cammino più lungo d’Europa? Eppure– continua Modaffari- al di là delle grandi opportunità che offre il turismo slow, il legame tra Sant’Antonio e la gente di Calabria è fortissimo. Non si riescono davvero a comprendere i motivi del totale disinteresse della Giunta Regionale. Mi appello al Presidente Oliverio, conclude Modaffari, con la speranza che riesca a comprendere l’importanza di questa iniziativa con la speranza che a settembre, a San Marco Argentano, possa essere presente anche la Regione”.

Attualità

Strategie SEO: perché sarà sempre più importante puntare sulla ricerca vocale

Le tecnologie di assistenza vocale stanno crescendo in modo rapido, sostenute dall’aumento dei dispositivi smart di nuova generazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Secondo il Microsoft Voice Report, il mercato è dominato da Siri di Apple, Google Assistant, Amazon Alexa e Microsoft Cortana, mentre gli altri sistemi vocali hanno una quota di appena l’1%, con il 70% degli utenti che hanno utilizzato almeno una volta un assistente digitale.

Dal primo rapporto Smart Home del Centro Studi TIM, il settore della casa intelligente presenta enormi opportunità e considerevoli margini di crescita nei prossimi anni.

Nel 2020 il giro d’affari in Italia è stato di 566 milioni di euro, con previsioni di incremento del 26% e una stima per il 2023 di 1,15 miliardi di euro, mentre a livello globale il mercato parte da un valore di 68 miliardi nel 2020, con la possibilità di raggiungere i 110 miliardi entro il 2023.

Le tecnologie smart, dunque, sono destinate a diventare sempre più rilevanti nei prossimi anni, per assisterci non solo nella navigazione su internet o nella riproduzione di musica, ma anche nell’acquisto online e nella prenotazione di servizi usando i comandi vocali. L’interazione con gli assistenti virtuali sostituirà l’uso dei display touchscreen, una tendenza che le aziende devono considerare con grande attenzione per non farsi trovare impreparate.

Come cambierà l’esperienza degli utenti con le ricerche vocali

Il problema principale delle query vocali è legato alla comprensione degli intenti di ricerca, finalità che in alcuni casi sono differenti rispetto alle ricerche testuali.

Come spiegato dall’esperto SEO Roberto Serra all’interno del sito roberto-serra.com, l’analisi delle esigenze degli utenti attraverso lo studio delle keyword è fondamentale per qualsiasi sito web, in quanto consente di studiare e capire qual è l’obiettivo delle persone quando effettuano una determinata ricerca online.

Oggi, tool e strumenti di Google e di terze parti consentono di analizzare in modo dettagliato gli intenti di ricerca, tuttavia interpretare le ricerche vocali è senza dubbio una vera e propria sfida. Quando si utilizza la voce e il supporto di un assistente virtuale la finalità della ricerca può essere davvero specifica, infatti rispetto al rischio di interpretazioni multiple delle ricerche testuali, quelle realizzate con la voce sono sicuramente più dirette e mirate.

Ad esempio, se un utente cerca di solito su Google i “migliori ristoranti di sushi a Roma“, ottenendo come risposta diverse soluzioni differenti, con la voce potrebbe chiedere invece ad Alexa o Google Assistant “quali sono i migliori ristoranti di sushi più vicini con servizio di delivery“. In quest’ultimo caso, la risposta sarà estremamente precisa, riducendo il numero di informazioni proposte dal sistema smart all’utente.

È evidente come le ricerche vocali renderanno il web sempre più personalizzato, aumentando la rilevanza delle query molto lunghe e specifiche rispetto alle ricerche generiche.

Questo cambiamento promette di stravolgere completamente il web nei prossimi anni, per questo motivo è indispensabile iniziare a pensare fin da ora a come posizionarsi nelle ricerche vocali.

Come ottimizzare il sito web per le ricerche vocali

Per mantenere il traffico organico del proprio sito web e non perdere visite in ingresso con l’aumento delle ricerche vocali, bisogna pianificare strategie SEO che tengano in considerazione questo nuovo aspetto.

Quando un utente usa un assistente virtuale le ricerche web sono molto precise, perciò è fondamentale non sottovalutare le query composte da molte parole e migliorare il lavoro di analisi degli intenti di ricerca.

Inoltre, è essenziale ottimizzare il portale per intercettare questo tipo di ricerche mirate, sviluppando piani di content marketing adeguati per essere proposti da Siri, Alexa, Google Assistant e Cortana come risposta alle domande degli utenti. Per molte aziende sarà indispensabile migliorare le schede Google My Business, la presenza all’interno di Google Maps e adottare anche strategie di video marketing su YouTube.

Allo stesso tempo, bisogna organizzare in modo dettagliato la struttura del sito, l’inserimento dei microdati previsti da Schema.org e integrare una presenza online multicanale più adatta alle ricerche vocali. Ad esempio, l’utente al quale viene indicato il proprio ristorante deve poter chiamare, prenotare un tavolo, oppure ordinare con il servizio di delivery utilizzando l’assistente virtuale.

Il portale, quindi, deve essere capace di supportare questo genere di interazione, assicurando una user experience ottimale indipendentemente dalla modalità scelta dall’utente per interagire.

 

Continua a leggere

Attualità

I requisiti di un sito di gioco online legale e affidabile

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Molte persone che giocano online non danno nemmeno peso a come possa essere regolamentato questo settore
(altro…)

Continua a leggere

Attualità

Il gioco online sta aumentando: ecco i numeri del mercato europeo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Recenti studi riguardo al mondo del gaming nel Vecchio Continente hanno dimostrato che il mercato europeo è attualmente quello più consistente di tutto il pianeta (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza