ASCOLTA RLB LIVE
Search

Mendicino, ‘Berretto a Sonagli’ di Pirandello stasera a teatro

Nuovo spettacolo del Gruppo Teatrale IBaki- Associazione Juovi Santu, per la regia di Imma Guarasci, debutterĂ  alle 20.30 e sarĂ  replicato domani alle 18.00 presso il teatro comunale.

MENDICINO (CS) – Lo spettacolo coprodotto dall’Associazione culturale e teatrale “Maschera e Volto” sarĂ  patrocinato dal Comune di Mendicino. Il Gruppo Teatrale iBaki, affiliato alla FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori), nato da solo 1 anno, ha giĂ  in attivo, nei teatri calabresi, 5 repliche dello spettacolo il “Malato immaginario” di Molière ed ha collezionato numerosi premi (premio migliore regia, costumi, social, migliore attrice non protagonista) e diverse nomination nei concorsi teatrali regionali. Interpreti e personaggi saranno Luigi Gaudio nei panni di Ciampa, Monica Rossi (Beatrice), Alessandro Bartoletti (Fifì), Mike Gaudio (Delegato Spanò), Mariarosa Gaudio (Fana), Rita De Cicco (Assunta), Emanuela Grillo (Saracena), Eva Gaudio (Rosalia), Alice Curia (Tuzza), Antonio Minnicelli (Logatto), Patrizia Fancellu (Mariannina), Paola Cannataro (Nina); Costumi di Natalia Kotsinska Trucco e Parrucco Patrizia Fancellu; Scenografia di Mike Gaudio e Luigi Gaudio, Foto di Marco Amoriello, Regia Imma Guarasci.
Gli attori-marionette si muovono nel proprio Teatro – Opera dei pupi, come sorretti in equilibrio ed animati da tre corde (la seria, la pazza e la civile). La visone registica delle metafore pirandelliane si estende a macchia d’olio fino a caratterizzarne l’interpretazione attoriale, la scenografia, i costumi, le musiche (di Giacomo Cutticchio) e contaminando i differenti linguaggi artistici: dal teatro d’attore al teatro di figura, fino a modificare i procedimenti linguistici, in differenti figure retoriche: sineddoche e metonimia. L’opera dei pupi rappresenta in questo spettacolo un ponte metaforico tra Calabria e Sicilia, tra il teatro d’attore ed il teatro di figura. L’ allestimento de Il Berretto a sonagli di Pirandello sottolinea la regista Imma Guarasci rappresenta un piccolo omaggio all’ Opera dei Pupi, riconosciuta dall’UNESCO: “Capolavoro del patrimonio Orale e Immateriale dell’UmanitĂ ”. Il dilemma tra l’apparire e l’essere, la pazzia, l’ipocrisia, ruolo della donna, la maschera sono i temi centrali della drammaturgia e della poetica pirandelliana. In questa commedia in due atti di Pirandello la storia della Donna e la condizione femminile nei primi anni del XX secolo è intessuta ed è tratteggiata nei profili dei diversi personaggi.