ASCOLTA RLB LIVE
Search

Maglie personalizzate: dagli anni ’70 ad oggi, protagoniste indiscusse della scena

Quella delle magliette stampate è una moda che viene da lontano, sia nel tempo che nello spazio

Erano infatti gli anni ’70 quando Milton Glaser creava il marchio “I love NY”, sdoganando le magliette che venivano portate a casa come souvenir, al posto dei classici posaceneri, portachiavi, palle di vetro o della tradizionale cartolina.

Quattordici anni dopo, nel 1984, la stilista inglese Katharine Hamnett indossò una maglia con la scritta “58% don’t want pershing” (“Il 58non vuole i missili Pershing”) in occasione di un incontro con l’allora Primo Ministro del Regno Unito Margaret Tatcher, riportando così in auge la moda delle magliette come veicolo di messaggi di qualsiasi tipo.

Ancora, vent’anni dopo, nel 2016, sulla passerella di una sfilata Dior, una modella indossava una t-shirt con lo slogan “We should all be feminists” (“Tutti dovremmo essere femministi”) e qualche mese fa -a proposito di maglie che veicolano messaggi politici- Gene Gnocchi faceva un’apparizione nel programma di La7 “DiMartedì” con una t-shirt che recitava “Il dissidente De Falco spediranno al confino, ha detto che Di Maio gli ricorda Schettino”; il senatore del PD Davide Faraone, invece, per contrastare il decreto sulla Legittima Difesa su SkyTg24, ha optato per “Salvini sei solo un pistola”.

Insomma, un messaggio per tutti i gusti. E quella delle maglie personalizzate non è solo una moda usata da modelli, stilisti, giornalisti e politici: l’usanza va per la maggiore anche tra le aziende. E, la t-shirt brandizzata di questa o quell’altra azienda, si riconferma puntualmente essere il gadget più ambito dai clienti di ogni età.

Tra i motivi del successo di questo oggetto così amato, c’è la facilità col quale esso si può ottenere, sia in termini di modalità che di “spesa”.

Ormai, grazie all’imperante tecnologia, è possibile stampare magliette personalizzate online, semplicemente con l’ausilio di un computer e di un po’ di inventiva.

Nessun bisogno più di prendere l’automobile e recarsi al negozio: con pochi semplici click (e con pochi euro) è possibile ordinare la t-shirt personalizzata desiderata, scegliendo tra un’ampissima scelta di prodotti, marchi, taglie, colori. È addirittura possibile avere una maglietta ancora più personalizzata, optando per una tipologia (canotta, manica lunga, manica corta, polo) o un effetto particolare: rigonfiato, fluorescente, glitter, quadricromia ed altri ancora.

E, come sempre, l’acquisto online da accesso a un infinito numero di offerte e possibilità: sconti e promozioni per chi acquista grandi quantità, ma la possibilità di acquistarne serenamente anche di piccole.

Zero fatica, massimo risultato.

E attireremo sicuramente l’attenzione, anche se non andremo in diretta su La7 o su SkyTg24.