ASCOLTA RLB LIVE
Search

Quali sono i Paesi del mondo in cui si gioca di più ai casinò online?

Fino al boom dell’era di Internet, il giocatore d’azzardo tradizionale, qualora decideva di scommettere su di una disciplina o di giocare a blackjack piuttosto che a poker, doveva dirigersi di persona al casinò più vicino.

 

Negli ultimi 10 anni, è stato proprio il casinò ad arrivare nelle case dei giocatori d’azzardo. I dispositivi mobili e desktop, infatti, permettono il collegamento pressoché immediato con i migliori bookmaker e i siti di scommesse più cliccati che, molto spesso, offrono anche una loro versione virtuale delle maggiori attrazioni da casinò.

Ma quali sono i Paesi del mondo dove i giocatori scommettono di più sul casinò? Per capire meglio quale sia lo Stato che detiene il primato di maggior giocatore al mondo, utilizzeremo i dati di alcune fonti tra cui quelli rilasciati alla Conferenza sul Gioco d’Azzardo di Londra 2019.

I maggiori contendenti al podio

Il casinò online ha quasi del tutto soppiantato il lavoro dei casinò reali anche se, in alcuni Paesi come la Slovenia, il business dei casinò materiali è ancora molto fruttuoso per l’economia nazionale. Tra gli altri Paesi in cui troviamo una presenza massiccia di scommettitori, il Canada, l’Australia e la Svizzera presentano a testa una spesa di circa 200 dollari l’anno in scommesse da casinò online. I dati possono sembrare modesti ma se pensiamo che solo in Australia vengono spesi 1000 dollari all’anno in scommesse di ogni genere, ci rendiamo conto di quanto queste cifre non siano poi così risicate.

 

Irlanda, Svezia e gli altri Paesi della penisola scandinava vedono una spesa nel betting del casinò online dimezzata dai 100 dollari in giù. Allo stesso modo, in questi Stati è piuttosto contenuto il gioco con le slot machines che, presenti o no nel casinò, vengono considerate come una categoria a parte. In Giappone, per esempio, il livello di gioco di casinò è pari a 0, in quanto la pratica è vietata nel Paese del sol levante, ma le slot machine coprono quasi interamente i 200 dollari occupati da altri Paesi per il casinò.

 

Tra i più “spendaccioni” ricordiamo ancora l’Australia che, solo con le macchinette da gioco, copre 450 dollari dei 1000 dollari pro capite spesi ogni anno. Subito dopo troviamo Singapore che, solo che nel casinò, occupa una spesa di circa 410 dollari annuali mentre le slot machine occupano appena 50 dollari di spesa. Oltre a questi Paesi troviamo anche gli Stati dell’estremo oriente, in particolare, Cina e Macau, dove i casinò sono la linfa vitale per la sopravvivenza degli stessi.

 

Gli inavvicinabili americani iniziano a perdere terreno

Gli americani e gli inglesi “deludono” un pochino. In particolare, i cugini d’oltre Manica non rispetta gli standard previsti. La presenza di siti e di bookmaker famosi in tutto il mondo non copre il numero ridotto di giocatori d’azzardo che, evidentemente, hanno perso interesse nel mondo delle scommesse del casinò.


Restano, invece, saldamente al comando gli Stati Uniti come maggiori giocatori d’azzardo nei casinò. La ragione è ovvia, la presenza preponderante di casinò sul suolo americano ma, ancora di più, di bookmaker con licenza anche negli USA garantisce un grande favore e successo tra il pubblico di ogni età. Internet, poi, ha sicuramente aiutato in questo processo favorendo lo sviluppo e la diffusione della pratica del casinò online.

 

La situazione in Italia

Il nostro Paese non resta sicuramente a guardare. Il casinò non occupa un posto così importante per quanto riguarda la spesa pro capite, mentre è molto maggiore la spesa concisa alle slot machine. Certamente, il gioco online in Italia dà grande frutto all’economia italiana, a tal punto che una sua liberalizzazione è sempre più presente sulla bocca di politici ed economisti. Sta di fatto che, nei maggiori Paesi per giocatori online d’azzardo, il betting da casinò sta perdendo interesse. Ne approfittano, di certo, i Paesi come il nostro che si gettano per la prima volta alla rincorsa del “sogno americano” del casinò online (free spin).