ASCOLTA RLB LIVE
Search

Il ritorno del velluto. Tutte le idee outfit per indossarlo con stile

Non c’è stagione in cui gli stilisti di moda non propongano il velluto: di un’eleganza intramontabile, dal fascino senza tempo.

 

COSENZA – Il ritorno del velluto, con un rimando dunque allo stile anni ’70 ed è subito moda. A righe, liscio, in capi sportivi o chic, tinta unita soprattutto o in tessuti rigati, spopolerà anche nei guardaroba per la prossima stagione invernale. I grandi marchi di moda lo hanno infatti inserito nelle loro collezioni. Versatile di giorno, dà il meglio di sé per la sera, con l’abito classico. Allo stesso tempo, si presta benissimo anche a situazioni meno formali. “È il più bel tessuto del mondo – ha detto Giorgio Armani in un suo finale di sfilata – anche in assenza di luce, riesce a brillare”. Quali sono le caratteristiche del velluto che piacciono così tanto? Sicuramente la sua morbidezza e delicatezza al tatto, ma anche la lucentezza e leggerezza: il velluto è un tessuto antico, dalla storia centenaria, che riesce sempre a far tendenza. E un tessuto da sempre apprezzato soprattutto nel campo dell’abbigliamento elegante ed è spesso legato ad un stile sofisticato e femminile che non tramonta mai. Quella autunnale/invernale è sicuramente la sua stagione preferita ed è anche il momento ideale per indossarlo.

Visto che, soprattutto nella moda, ogni errore ci dà spazio per imparare e migliorare, ecco alcuni consigli di stile per indossare il velluto nel modo corretto. Nonostante il velluto sia principalmente un tessuto invernale, condizioni atmosferiche come pioggia, grandine e neve, è categoricamente proibito indossarlo sotto l’acqua e rischiare così di rovinarne la fattura. Va scelto di provenienza sintetica. L’unico velluto da considerare è quello prodotto dalla seta o dal cotone. Per quanto economici, gli esempi in poliestere e nylon vi regaleranno un effetto scadente di cui potete anche fare a meno. Optate per nuance pastello. Almeno per il momento, il velluto rende al meglio la sua raffinatezza se tinto in tonalità calde. Divertirsi con il colore è assolutamente permesso, anzi, l’importante è tenersi lontano da bianchi, rosa cipria e verdi chiarissimi. Per il ritorno del velluto le nuance preferite di stagione, oltre al nero, ci sono burgundy, verde felce, blu notte e senape. Il velluto ha una texture importante, si nota immediatamente e  va abbinato ad altri materiali con estrema delicatezza. Non sbaglierete quasi mai portandolo insieme a tessuti leggeri e naturali.

Il velluto è sicuramente un tessuto impegnativo. Ecco perché, se volete sdrammatizzarlo, l’abbinamento con il denim è perfetto e ideale per donarvi un’aria più sbarazzina. Il ritorno del velluto: qual è il segreto di questo abbinamento? E’ questo: il denim, con la sua aria casual, tende a distogliere l’attenzione dal velluto che invece tende ad essere protagonista richiamando l’attenzione su di sé. Provate, ad esempio, ad abbinare un top, una maglietta o ancora una giacca in velluto con un jeans. Se il blazer in velluto è ormai stato sdoganato sia in situazioni formali che casual, i pantaloni restano un mistero ancora per molti. Evitate tagli baggy e sfruttate l’eleganza del velluto su pantaloni sartoriali dritti dal taglio classico. Come insegna Mark Ronson: sono così perfetti anche su una semplice t-shirt bianca.

 

Qualora non siate fan del total look in velluto, ricordatevi che potete sempre portarlo sugli accessori. Il ritorno del velluto vale anche per loefer, papillon o sneakers e le opzioni sono davvero tantissime. Trattandosi di un materiale pesante, un altro passo falso da evitare è appunto quello di lasciare che il velluto prenda il sopravvento della vostra figura. Tenersi lontano da fit eccessivamente oversize, o abbinamenti carichi di decorazioni e stampe, vi impedirà di scomparire in quel temuto effetto “divano”. Ricordate comunque che il velluto è un trend che nasce prima di tutto per permettervi di sperimentare e per far prendere una boccata d’aria fresca al vostro guardaroba. Fuggite la noia e optate per il colore, i dettagli e le stampe. Siate liberidi commettere anche qualche errore da cui imparare.