ASCOLTA RLB LIVE
Search

Malgioglio a Rende confessa: “Devo la mia carriera alla Calabria”

Boom di presenze per ”l’Imperatrice” che durante il suo concerto ha rivelato di essere arrivato al successo grazie ad un noto cantante calabrese

 

RENDE (CS) – ‚ÄúAmo la Calabria perch√© il successo della mia carriera lo devo al grande cantante calabrese, Mino Reitano, che mi ha ospitato addirittura in casa sua quando avevo bisogno‚ÄĚ. Emoziona cos√¨ l‚Äôintera platea a Rende durante il suo concerto, ‚Äėl‚Äôimperatrice‚Äô pi√Ļ amata dagli italiani. Cristiano Malgioglio, accompagnato dal suo corpo di ballo, √® il protagonista del quinto evento del Festival del Teatro curato dalla De.Do Eventi con il patrocinio del Comune di Rende. La sua entrata in scena √® delle pi√Ļ travolgenti: musiche e coreografie che sin da subito mandano in fibrillazione il pubblico gi√† caldo: ‚ÄúSe non mi aveste accolto cos√¨, al terzo brano sarei gi√† andato via‚ÄĚ, esclama l‚Äôistrionico personaggio, autore di testi che hanno fatto la storia della musica italiana, omaggiando anche Mina. Come non ricordare i cult: ‚ÄėLa mia solitudine‚Äô o ‚ÄėGelato al cioccolato‚Äô scritta per Pupo, ‚ÄúCon cui mi sono comprato casa‚ÄĚ, ironizza Malgioglio sul palcoscenico. E la discesa dal quel palco √® avvenuta in un battito di ciglia: imprevedibile come sempre, Cristiano con i suoi ballerini, scendono in mezzo al pubblico.

 

 

‚ÄėDanzando, danzando‚Äô come recita uno dei suoi ultimi tormentoni, hanno ritmato la sala da cima a fondo, per poi ritornare effervescenti sul palco. Di questo temperamento, l‚Äôartista ne ha fatto il suo punto di forza, soprattutto contro ogni opinione omofoba sulla sua sessualit√†: ‚ÄúSe non fossi stato cos√¨ esuberante, adesso sarei gi√† nonno di tanti nipotini – ironizza Malgioglio – mia mamma mi avrebbe voluto padre, ma io indossavo la sua vestaglia con le sue scarpe, cantavo e stavo bene, specie quando ero triste‚ÄĚ, racconta. Lo spettacolo del ciuffo biondo in vestaglia prima nera e poi rossa, tra canti e balli, diventa racconto di s√©. Chi lo avrebbe mai detto. ‚ÄėRapisce‚Äô completamente il pubblico che lo acclama proprio come piace alla ‚Äėregina‚Äô: ‚ÄúSono felice di essere qui anche perch√© amo il teatro e le piazze. Siete meravigliosi‚ÄĚ, incalza Cristiano lasciando la scena. E dopo Paolo Ruffini, Biagio Izzo, Gabriele Cirilli, Matteo Setti, anche Cristiano Malgioglio esprime il legame particolare con la nostra terra; un altro successo targato ‚ÄúRende Teatro Festival‚ÄĚ.