ASCOLTA RLB LIVE
Search

Scoprire cosa Facebook sa di noi

E’ un’operazione semplice ma sconosciuta ai più. Permette di accedere alle informazioni che Facebook ha raccolto e conserva in merito al nostro profilo

 

Che Facebook ci monitori costantemente ormai è risaputo, il caso sulle elezioni politiche americane, il tanto chiacchierato scandalo Cambridge Analytica, è passato sui TG di tutto il mondo. Facebook custodisce i nostri interessi, lo fa monitorando i nostri “Mi piace” durante la navigazione sui social e su come interagiamo nelle bacheche ospitate dalla creatura di Zuckerberg. Informazioni pagate a peso d’oro per chi vuole veicolare pubblicità; non vi è mai capitato di veder spuntare un qualche prodotto su Facebook ed esclamare: “Toh, proprio quello che mi interessava comprare”, non è un caso! Molti ignorano il fatto che le info conservate dal social network più famoso al mondo, sono in realtà consultabili e gestibili agevolmente.

 

 

Ma come accedervi? Scoprire cosa Facebook sa di noi è facile. Per entrare nella preziosa miniera di informazioni custodite da Facebook, da PC bisogna cliccare sull’iconcina a forma di triangolo posta in alto a destra della schermata, quindi selezionare la voce “Impostazioni”, poi, dalla barra laterale sinistra optare per “Inserzioni”. Dall’app mobile la procedura è piĂą o meno simile: si clicca sull’icona “hamburger” (le tre linee in alto a destra), poi su “Impostazioni e privacy”->“Impostazioni”->“Inserzioni”. Nella pagina che seguirĂ  potremo accedere a diverse pagine contenenti molteplici informazioni inerenti il nostro profilo: “I tuoi interessi”,“Inserzionisti” e “Le tue informazioni”. All’interno dell’area “I tuoi interessi”, forse con sorpresa, troveremo aziende, luoghi, personaggi ma anche mete turistiche ambite, sport praticati, cibi piĂą apprezzati e via discorrendo.

 

 

Facebook ci classifica – a volte non proprio correttamente – non solo su quelle che sono le nostre scelte dirette, ma lo fa allargandosi a una categoria più ampia rispetto la specifica scelta. Per esempio, mettendo spesso “Mi piace” su un calciatore, indico a Facebook che potenzialmente sono un amante del calcio e magari della squadra di appartenenza del calciatore oggetto del mio like. Una miniera di informazioni che cresce tanto più è attiva la nostra permanenza sul social. Dalle medesime sezioni indicate sopra, è possibile procedere cancellando voci che ci sembrano inappropriate mantenendo magari solo quelle che realmente esprimono i nostri interessi, sperando così di ricevere pubblicità più affine i nostri reali interessi.