ASCOLTA RLB LIVE
Search

Oggi calici alzati per la giornata mondiale della pizza

Tanti i festeggiamenti dedicati al prodotto ambasciatore del made in Italy.

 

COSENZA – La produzione giornaliera di pizza in tutto il Paese è di 8 milioni di pizze, quasi tre miliardi l’anno, il fatturato è di 15 miliardi di euro per un movimento economico che supera complessivamente i 30 miliardi. A vincere dal punto di vista della preferenza dei gusti degli italiani è la pizza tradizionale sulla gourmet con 8 connazionali su 10 che scelgono la marinara, margherita, napoletana o capricciosa.

La pizza gourmet registra un 12,1% di ordinazioni, mentre il 6,2% dei clienti sceglie (o è costretto a scegliere per motivi sanitari) le pizze speciali, per lo più biologiche o senza glutine. La pizza con gusti fai-da-te si ferma al 2,9%. La fascia di prezzo non supera in un caso su due i 7 euro, ma c’è una fascia di mercato (4%) oltre la soglia dei dieci euro. Prodotto-icona del mangiare italiano, le imprese che la vendono sono quasi 127 mila di cui 76.357 sono veri e propri esercizi di ristorazione, 40mila sono ristoranti-pizzerie e circa 36.300 bar-pizzerie.

I pizzaioli impiegati nell’attività sono quasi 105 mila, ma superano i 200mila nei fine settimana.Dall’analisi emerge inoltre che la pizza tonda ha la meglio sugli altri formati ed è preferita in abbinamento con delle fritture. Infine nella scelta dei prodotti della ricetta è preferito l’impasto con farina 00 e cottura nel forno a pietra. Il 75% della clientela sceglie di gustare la specialità napoletana comodamente servita al tavolo. La maggior parte delle persone pensa che la pizza sia da evitare o limitare il più possibile se si vuole mantenere uno stile di vita e di alimentazione salutare, ancor di più se si segue una dieta per perdere peso. Molti non sanno che in realtà la pizza costituisce un piatto sano ed equilibrato, che consente un apporto adeguato di sostanze nutritive utili all’organismo. È ricco di carboidrati complessi che rilasciano energia più lentamente rispetto ai carboidrati semplici e contribuiscono a mantenersi in forma, a controllare l’appetito e a stabilizzare i livelli di energia. Pensandoci chi non si sente sazio a lungo dopo aver mangiato una buona pizza?

I grassi contenuti in questo alimento sono definiti grassi “buoni”, gli acidi grassi insaturi che favoriscono la circolazione e aiutano a diminuire il colesterolo cattivo. Grazie al condimento a base di pomodoro e formaggio, la pizza è ricca non solo di calcio, vitamina C, ma anche di Ferro, Vitamina D, E e K, e proteine del latte, ricche di proprietà benefiche per l’organismo. Una pizza margherita presenta un apporto di calorie di poco superiore a un piatto di pasta bene condito, se ben bilanciata con gli altri pasti giornalieri non rappresenta certo un pericolo anche per chi tiene particolarmente alla linea. La pizza non fa bene solo alla salute, ma contribuisce anche al benessere emotivo, chi non è felice di gustare una pizza in compagnia o anche da solo. Forse sono i colori, i gusti, le forme a rendere la pizza un alimento così amato e apprezzato, capace di portare armonia e festa sulle nostre tavole.