ASCOLTA RLB LIVE
Search

A Castrovillari, oggi, ‘Flash Mob One Billion Rising 2018’

Un appuntamento per sensibilizzare la cittadinanza ai temi dell’inclusione, dell’intercultura, del rispetto e della non discriminazione.

CASTROVILLARI (CS) – In occasione della Giornata Internazionale della Donna, si terrĂ  presso il Consultorio familiare l’iniziativa Flash Mob One Billion Rising 2018 (in quella piĂą ampia di coinvolgimento nella storia dell’umanitĂ  per porre fine alla violenza contro le donne ed al loro sfruttamento) promossa dalla Cooperativa CSC Credito Senza Confini, nell’ambito del progetto FAMI “Lingua Migrante” in partenariato con il Comune di Castrovillari e con la partecipazione dell’ Associazione Cidis Onlus attraverso il coinvolgimento e la partecipazione delle donne accolte nel progetto SPRAR Mar’haba del capoluogo del Pollino. La danza, una delle arti comunicative per eccellenza, nell’iniziativa esprime, attraverso l’esecuzione Breake the Chain (Rompi la Catena) che verrĂ  eseguita nel piazzale antistante al Consultorio, in via Boungenville, il fermo impegno a tutela dei diritti e della dignitĂ  di ciascuna persona.

Il Consultorio Familiare, poi, è stato pensato, non a caso, come spazio di incontro, confronto, ascolto e integrazione per questa compartecipazione multietnica. Lo testimonierà il programma che prevede alle ore 16 l’apertura della biblioteca mobile “Migrante” con una mostra fotografica dal titolo “Ri- “tratte”: i volti della libertà” che svelerà quelli di alcune tra le più famose scrittrici contemporanee le quali, nel mondo, hanno lottato e continuano a farlo per l’affermazione dei diritti fondamentali delle donne. Alle 16,30 la danza inclusiva e , subito dopo, la presentazione dell’evento con i saluti da parte dei rappresentanti istituzionali e ancora, a seguire, l’ascolto di alcune poesie e racconti delle scrittrici “ri-tratte” che, oltre a richiamare il rispetto dei diritti delle donne, ricorderà le lotte fatte per le conquiste sociali, economiche e politiche; ma soprattutto quelle per porre fine alle, ormai innumerevoli, discriminazioni di genere ed a tutte le forme di violenza subite dalle donne in tutte le parti del mondo. Per tutta la durata della manifestazione, poi, si potrà visitare lo “Scaffale Migrante”. La biblioteca è allestita all’interno del camper-scuola dove si potranno consultare testi di diversa natura. I libri parlano di migrazione e del viaggio che accomuna quanti hanno dovuto abbandonare la propria Terra arrivando in Italia.