ASCOLTA RLB LIVE
Search
22450069_1918549665085485_5793128968349234864_n

Nel centro storico di Paola, sarĂ  dipinta la prima panchina rossa contro la violenza (AUDIO)

Il posto occupato da una donna vittima di maltrattamenti è il simbolo della battaglia contro la violenza di genere.

 

PAOLA (CS) – Domenica 18 febbraio a partire dalle 11.00 in piazza IV novembre, sarĂ  dipinta la prima panchina rossa. Per l’occasione sarĂ  con l’Associazione Artemisia la signora Vera Squatrito, madre di Giordana Di Stefano e vittima di femminicidio, per portare la sua testimonianza e dipingere di rosso le grate della panchina. L’iniziativa, partita da un’idea dell’Associazione Artemisia Gentileschi, ha incontrato la sensibilitĂ  e il patrocinio dell’amministrazione comunale.24300963_1938740206399764_622997508676193307_n
“Noi siamo commosse e orgogliose di ospitare Vera Squatrito, mamma di Giordana e Giovanna Zizzo, mamma di Lauretta anch’essa uccisa brutalmente da quello che era suo padre. Artemisia – commenta la vicepresidente dell’Associazione Artemisia Gentileschi,  Simona Nigro – accoglie con riverenza queste mamme che fanno della loro vita orfana dei figli, una testimonianza forte e assordante affinchĂ© chiunque possa decifrare i segni della violenza prima che sia troppo tardi. Il motore di Artemisia è questo, comunque ed a prescindere”.

Simona Nigro, ha raccontato il percorso e i particolari dell’iniziativa ai microfoni di Rlb

ASCOLTA L’INTERVISTA

panchina rossa

Andare oltre le parole, insomma, perchĂ© insieme si può. Questo “punto rosso” permanente nel cuore di Paola è una dichiarazione di intenti e contribuisce a isolare idealmente i violenti dal comune sentire nonchĂ© a offrire un segno di vicinanza a quelle donne vittime di violenza che non hanno ancora il coraggio di provare ad uscire dal tunnel. L’associazione Artemisia c’è e vuole dare un segno tangibile del proprio impegno a favore di queste donne. Concetto chiarito e rafforzato piĂą volte dal presidente Rosangela Cassano: “Le donne non sono sole e a tal proposito giorno 7 marzo presenteremo ufficialmente il nostro progetto per offrire loro una casa di fuga che possa accoglierle immediatamente dopo la denuncia per non costringerle a dover tornare a casa e affrontare nuovamente il violento. Un segno forte, quindi, la panchina rossa: un monito per i violenti, un braccio teso alle donne in difficoltĂ , per ricordare loro che c’è sempre una strada per la Libertà”.