Lamezia, evento conclusivo del progetto scolastico ”Trame di Memoria”

All’iniziativa hanno aderito diverse classi delle scuole primarie e secondarie di I grado di Lamezia Terme.

 

LAMEZIA T. (CZ) – ʺTrame di Memoriaʺ intende accompagnare i ragazzi alla scoperta di un valore fondamentale della nostra società: la memoria. Quest’ultima è intesa come pratica del ricordo, come processo di comprensione e di conoscenza e, soprattutto, come esercizio fondamentale per costruire attivamente la nostra coscienza civile presente. Un progetto fortemente voluto dalla Fondazione Trame e dalla responsabile Maria Teresa Morano che sulla realizzazione del progetto afferma: «Emozione e soprattutto stupore siamo riusciti a provare in ogni incontro nel quale abbiamo raccontato episodi di “memoria”. Emozione dovuta alla consapevolezza di quanto sia importante tramandare queste storie e stupore per il grande coinvolgimento che abbiamo constatato in tutti i ragazzi. Ogni parola è stata quasi divorata in un silenzio stupefacente e questo ci ha fatto capire quanto sia importante parlare loro di questi argomenti».

 

La Fondazione Trame ha scelto, sulla scia degli anni passati, un percorso didattico formativo e allo stesso tempo giocoso. Con l’obiettivo di riscoprire le storie di vittime innocenti (alcune di queste impegnate in prima persona nella lotta alla mafia) che hanno interessato drammaticamente il nostro territorio, attraverso linguaggi e metodologie idonei alle fasce d’età degli alunni partecipanti. In questi mesi, in stretta collaborazione con i referenti delle scuole e grazie alla disponibilità dei dirigenti scolastici, gli alunni sono stati impegnati con tematiche di grande attualità: legalità, giustizia, mare (come luogo di oscuri traffici), denuncia, lotta all’omertà, l’importanza della comunità, della libertà, dei valori sociali ed etici. Tutto questo allo scopo di far emergere lo spiccato senso critico e riflessivo che giace dentro di loro ma che ha bisogno di continue opportunità di espressione.

 

Nello specifico, dopo un primo ciclo di incontri prettamente narrativi, si stanno svolgendo dei laboratori artistici e di approfondimento nei quali tutti gli studenti sono chiamati in prima persona ad esprimere riflessioni e stati d’animo in merito ai racconti ascoltati che, grazie all’aiuto di un facilitatore, saranno convertiti in un elaborato finale di carattere collettivo e creativo. Per raggiungere questa finalità, le classi interessate da destinatarie di memoria si faranno produttrici di memoria, rielaborando in proprio le storie ascoltate e le tematiche affrontate. Le scuole primarie coinvolte realizzeranno una storia illustrata scritta dai bambini e rivolta ai loro coetanei che racchiuderà le tematiche trattate in chiave totalmente nuova e fantastica, favorendo così la costruzione di nuove mappe mentali per uscire dall’assuefazione alla presenza della ‘ndrangheta nella nostra regione.

 

Per le scuole secondarie di primo grado è prevista, invece, la realizzazione di un murales che parta dalle riflessioni elaborate dai ragazzi con il loro linguaggio, includa insieme la narrazione della storia, e giunga alla rappresentazione di un’immagine-simbolo. Tante immagini che, con il contributo di una esperta di street-artist, andranno a costituire un’unica opera collettiva sotto forma di pittura murale. Gli studenti interessati saranno quindi chiamati a rilasciare le loro testimonianze e riflessioni che, assemblate insieme, diventeranno un appello sociale alla pratica della memoria e al cambiamento e potranno costituire uno strumento di discussione e approfondimento, anche con il coinvolgimento delle famiglie.

 

La Fondazione Trame sarà affiancata in questo percorso dal prestigioso Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, già partner della fondazione in altri progetti. La Fondazione Trame e la Treccani realizzeranno, dal materiale prodotto nei vari laboratori, un e-book e un documentario che saranno resi disponibili in anteprima nella prossima edizione del Trame.7 Festival dei libri sulle mafie che si svolgerà a Lamezia Terme dal 21 al 25 giugno 2017. Nel corso del festival, giovedì 22 giugno, alle 17,00, nel Chiostro di San Domenico, in un incontro aperto anche a tutti i cittadini, tutto il team che ha lavorato al progetto Trame di Memoria, incontrerà gli studenti, i docenti e i dirigenti scolastici, per presentare i risultati raggiunti e ragionare sui progetti futuri.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

“Calabria, un diamante grezzo”: a San Nicola Arcella forum su ambiente, mare, turismo

SAN NICOLA ARCELLA (CS) - “Calabria. Storia, paesaggi, 800 km di coste da Mar Jonio e Mar Tirreno che le conferiscono la conformazione di...

Ballottaggio a Montalto Uffugo, alle 19 affluenza al 25,2%. Al primo turno aveva votato...

MONTALTO UFFUGO (CS) - Resta inferiore rispetto alla precedente tornata, l'affluenza alle urne a Montalto Uffugo dove sono in corsa, al turno di ballottaggio...
Vaccarizzo albanese panorama

Vaccarizzo Albanese, partono i lavori di ammodernamento sulla Provinciale 180

VACCARIZZO ALBANESE (CS) - La SP 180 sarà chiusa al traffico veicolare da lunedì 24 giugno fino al 2 agosto, per consentire in massima...

Cosenza: al via il concorso letterario di narrativa breve ‘Riccardo Sicilia’

COSENZA - E' stato bandito dall’Associazione Biblioteca delle donne Fata Morgana e dall’Associazione culturale Il Filo di Sophia, la seconda edizione del concorso letterario...

Praia a Mare: Italia Nostra «a rischio un altro platano monumentale su viale della...

PRAIA A MARE (CS) - Italia Nostra - sezione Alto Tirreno Cosentino - lancia l'allarme su un altro grande platano monumentale del Viale della...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, per la strage di Via Popilia in appello confermati due...

La Corte d’Assise d’Appello ha parzialmente riformato la sentenza della Corte di Assise ai presunti autori del duplice omicidio Tucci-Chiodo

Cosenza, all’Annunziata l’obesità “si cura” con i robot

Il commissario Filippelli: "Da PNRR forte aggiornamento tecnologico per l'Azienda sanitaria"

Baby rapinatori, minorenne affidato a comunità

Assicurato alla giustizia l'ultimo componente del gruppo di minorenni, accusati di rapina, violenza e lesioni

Deteneva 15 cani in pessime condizioni, denunciata

Cani tenuti in pessime condizioni e alcuni anche malati. I carabinieri hanno denunciato una donna e sequestrato gli animali

“Povero Parco Robinson, come sei ridotto. Le ultime paperelle agonizzanti in...

La Federazione Riformista di Rende all'attacco sulla situazione di degrado in cui versa soprattutto il laghetto del Parco Robinson

Città unica Cosenza-Rende-Montalto: Strazzulli (FdI) “va realizzata al più presto”

"I passaggi importanti sono: un referendum consultivo, delibere dei consigli comunali e una legge che prepari a questa procedura"