GreenS- Kick-off del Comitato di pilotaggio sul tema degli acquisti verdi nella Pubblica Amministrazione - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Magazine

GreenS- Kick-off del Comitato di pilotaggio sul tema degli acquisti verdi nella Pubblica Amministrazione

Avatar

Pubblicato

il

Il dibattito si è svolto nei giorni scorsi alla Cittadella regionale.

 

GERMANETO (CZ) – La Regione Calabria, in collaborazione con ALESSCO – Agenzia per l’Energia della Provincia di Cosenza, coordinatore del progetto “GreenS”, ha organizzato nei giorni scorsi una “tavola rotonda” con i principali stakeholders del Green Public Procurement (appalti verdi). A parteciparvi sono stati tre Dipartimenti della Regione: il Dip. Programmazione Nazionale e Comunitaria, partner del progetto, e i Dipartimenti Ambiente e Lavori Pubblici, quest’ultimo con la Stazione Unica Appaltante. Insieme agli esperti della Regione Calabria e di ALESSCO, hanno preso parte al dibattito anche i rappresentanti di importanti enti tra cui il Ispra, Arpacal, AssoArpa e ESCO locali. Il percorso prevede altre 6 tavole rotonde che verranno organizzate nei prossimi mesi. Al tavoli di consultazione hanno, infine, preso parte anche il Ministero dell’Ambiente e CONSIP.

La prima sessione di lavori ha toccato significative tematiche: dalla presentazione del progetto GreenS al GPP nei vari livelli di governance; dalla percezione della tematica sui bandi verdi nelle stazioni appaltanti ai casi studio analizzati dal Progetto GREENS. Ispra, arpa calabria, asso arpa e ALESSCO con il coordinamento dell’ufficio Cooperazione Territoriale Europea della Regione, hanno proposto esempi pratici e buone prassi in materia di GPP negli enti territoriali calabresi e nazionali. Nella seconda sessione sono state affrontate le tematiche concernenti, invece, gli aspetti normativi relativamente a criticità e barriere per la diffusione dei bandi verdi; le soluzioni innovative e le nuove tecnologie per prodotti e servizi verdi; i modelli di Governance ed unità a supporto delle politiche di GPP; un Network permanente di attori istituzionali e operatori economici; inoltre, si è avanzata la necessità di “istituzionalizzare” il GPP, oltre che di creare sinergie con altre iniziative italiane ed europee, di realizzare esempi di bandi e capitolati e di stilare un accurato programma dei successivi incontri. Gli attori della Tavola Rotonda hanno scoperto la loro esperienze sul GPP, aggiornando le loro possibilità di partecipare allo sviluppo degli acquisti verdi e del mercato dell’indotto derivante da questo obbligo, tutto italiano, negli acquisti verdi. La Regione Calabria insieme ad Alessco porterà a sistema questo gruppo di lavoro per assistere tutti i livelli di governance (Regione, provincie, enti locali, aziende) e con le buone prassi dei partners del progetto GREENS si creeranno la giuste sinergie stabili per la standardizzazione delle procedure amministrative e delle innovative piattaforme per il green public procurement.
In questi giorni si sta svolgendo a Cipro il quarto Comitato di Pilotaggio transazionale del progetto GreenS che vede coinvolte la Regione Calabria (partner del progetto GreenS), con il responsabile dell’ufficio CTE e sede di Bruxelles, Nicola Mayera e Alessco (capofila), quest’ultima rappresentata da Filippo Giglio e Carmine Brescia, responsabile fondi europei e direttore di Alessco.

Greens è un progetto europeo cofinanziato dal Programma “Horizon 2020”, ideato per favorire l’attuazione della strategia di specializzazione intelligente (S3), per lo sviluppo di un’economia sostenibile e inclusiva dell’Unione Europea. E’ al suo diciottesimo mese di vita e ha già prodotto risultati tangibili consultabili sul sito www.greensproject.eu (gli ultimi risultati verranno a breve resi noti). Prevede un’analisi di contesto che mira a individuare gli ostacoli all’utilizzo e diffusione del GPP (Green Public Procurement); ogni partner, per la sua regione di appartenenza, realizza l’analisi di contesto per poi procedere alla formazione dei G.P.P.S. (Green Public Procurement Supporters) e all’attuazione di progetti pilota. L’ obiettivo è quello di coinvolgere direttamente le P.A. nell’avvio del processo di approvvigionamento verde. Il cronoprogramma del progetto prevede anche l’organizzazione di sette tavole rotonde per stimolare la cooperazione tra i vari attori istituzionali, coinvolti nella promozione e diffusione del GPP negli appalti pubblici.

Magazine

Lo sguardo triste di Gioacchino. Aiutiamo “Gli invisibili” a curare Asso

La rubrica “Qui la Zampa” questa settimana vi presenta Gioacchino, un cane libero da sempre confinato in un box del canile. E poi serve una mano per curare Asso, la sua storia è comune a molte famiglie colpite economicamente dal Covid

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

La voglia di libertà di Gioacchino è tutta nel suo sguardo triste, ora che è dietro le sbarre di un box del canile. Di proprietà del Comune di San Giovanni in Fiore, è ancora giovanissimo, ha 6 anni, e la sua tristezza è grande quanto il suo desiderio di libertà. Contattando l’associazione “Gli invisibili dei canili rifugio Cosenza” Gioacchino arriverà ovunque.

L’associazione inoltre chiede una mano per aiutare Asso, un pastore tedesco di 7 anni, che il proprietario non può più curare a causa perchè il Covid gli ha tolto il lavoro, e con una moglie e quattro figli da mantenere, non riesce a far fronte alle sue cure ma non ha voluto certo abbandonarlo. E così Asso è stato affidato al grande cuore delle volontarie che si stanno occupando di lui ma, soffrendo di una grave forma di piodermite, la cura è lunga e costosa. Aiutiamo Asso!

 

Chicca è il farmaco speciale di Lorenzo in terapia intensiva a causa del Covid

All’ospedale Belcolle di Viterbo è ricoverato da 42 giorni in terapia intensiva Lorenzo, 40 anni che ha chiesto di poter vedere la sua Chicca, la sua amica a 4 zampe, una border collie. Infermieri e operatori sanitari hanno deciso di fare a Lorenzo una sorpresa speciale. Chicca è stata portata in ospedale e ha potuto salutare attraverso il vetro Lorenzo. In piedi su due zampe con il muso contro il vetro ha potuto rivedere il suo amico umano.

«L’incontro è avvenuto in sicurezza grazie all’impegno dei professionisti dell’ospedale di Viterbo – si legge nel messaggio sui social – i quali, accogliendo la richiesta della persona assistita, hanno voluto “somministrare” al paziente questo farmaco speciale, auspicando che le sue condizioni di salute migliorino giorno dopo giorno».

Continua a leggere

Magazine

Doris, mix di energia e gioia. Yuri e Melissa, la disabilità è negli occhi di chi guarda

La rubrica “Qui la zampa” questa settimana vi presenta Doris, giovane e simpatica simil pastore tedesco che si trova al canile di Mendicino. Poi la storia di Yuri e Melissa, uniti nella disabilità

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Doris è una cagnolina di circa un anno, di proprietà del Comune di Rose che si trova al canile sanitario di Mendicino. Pesa circa 15 chili ed è una cucciolotta bella, educata e vivace. Un mix di energia e allegria. Doris è una cagnolina molto socievole, giocherellona. Sa andare al guinzaglio e non mostra incompatibilità con i propri simili. Un amica pelosa che renderà le giornate frizzanti.

L’amicizia tra Yuri e Melissa, oltre la disabilità

Yuri, 26 anni, di Budrio, è un ragazzo con una gamba prostetica e Melissa è una cagnolina tripode. Tra loro è stato amore a prima vista e ora sono inseparabili. Melissa era figlia di una cagnolina randagia che aveva dato alla luce i suoi cuccioli a Partinico, in provincia di Palermo. Melissa, a differenza degli altri fratellini, era nata sottopeso e, a causa di una zampina in cancrena, era stata abbandonata dalla sua mamma. Portata da alcuni volontari da un veterinario, per salvarle la vita, è stato necessario amputarle la zampa.

Gli stessi volontari hanno poi pubblicato su Facebook un annuncio per trovarle una famiglia ed è stata la mamma di Yuri a notare quegli occhioni dolci. Solo dopo si è accorta che aveva tre zampe e ne ha parlato a Yuri. La decisione di adottarla è stata immediata. Da quel momento la vita di entrambi è cambiata: giocano insieme, si divertono, si coccolano e fanno addestramento e sport. E come dice lo stesso Yuri “la disabilità è solo negli occhi di chi guarda”.

Continua a leggere

Cultura & Spettacolo

Da Paterno parte il “VAO”, progetto pilota per una nuova visione dell’orchestra

Parte da Paterno il progetto pilota “VAO” per una nuova visione del suono orchestrale che partirà il 3 maggio e si concluderà il prossimo 30 luglio con diverse iniziative

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

 

PATERNO CALABRO (CS) – E’ possibile far suonare un’orchestra insieme alla sua omologa virtuale? E’ possibile poter concepire un nuovo suono orchestrale che possa tener conto di un territorio? Nasce con questo obiettivo il nuovo progetto “V.A.O. (Virtual Acustic Orchestra) Per una nuova visione del suono Orchestrale” promosso dall’associazione musicale “Aura” con progetto regionale Pac Calabria 2014-2020 Azione 3.1 “promuovere lo sviluppo della cultura musicale”.

Ripensare l’Orchestra atta alla valorizzazione ed alla promozione della cultura musicale demo etno-antropologica attraverso l’utilizzo innovativo delle nuove tecnologie e modelli ITC. Un processo di elaborazione sonora e di ricerca che risponde alle traiettorie tecnologiche. Si tratta di applicare nuove tecnologie per il recupero, la gestione e la valorizzazione delle risorse culturali (e musicali) del territorio nonché elaborare modelli innovativi di produzione musicale.

Di conseguenza l’Orchestra “VAO” e le future produzioni diventano un mezzo di co-creazione di nuovi percorsi turistici esperienziali e conoscitivi capaci di valorizzare e promuovere aree di attrazione culturale di rilevanza strategica. “Dobbiamo ripensare alle sonorità orchestrale tenendo conto che con la tecnologia è possibile continuare a ricreare modelli di strutture sonore fino ad ora impensabili” ha sottolineato il Maestro Francesco Perri, compositore e direttore d’orchestra. “In questa direzione saranno predisposte delle specifiche azioni di soundmapping e soundscape finalizzate al recupero del paesaggio sonoro di un territorio individuato nell’area geografica del comune di Paterno Calabro per poi procedere all’analisi ed allo studio della contaminazione ambientale del territorio”. Ed infine “la realizzazione attraverso tre concerti orchestrali acutivi e digitali: Crotone, Paterno Calabro e Forte dei Marmi”. Per Perri “il futuro di questa prima ricerca potrebbe sicuramente avviare una successiva indagine e di archiviazione di dati sonori”.

Continua a leggere

Di tendenza