Summer Arena in delirio per J-Ax e Fedez: da ‘Calabrisella’ a ‘Vorrei ma non posto’

Grandissimo successo di pubblico per il primo appuntamento della Summer Arena di Soverato, la stagione estiva di concerti organizzati dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese.

 

SOVERATO (CZ) – Quello di ieri sera era il vero e proprio concerto di punta del programa, l’unica data in Italia di J-Ax e Fedez, nuovi soci della musica italiana, sulla cresta dell’onda in queste settimane con il loro primo singolo insieme “Vorrei ma non posto”. Un’arena da tutto esaurito, con un pubblico che arrivava da ogni parte d’Italia e con grande soddisfazione da parte degli organizzatori e del Comune di Soverato: il primo cittadino, Ernesto Alecci, lo ha ribadito dal palco, invitato dalla presentatrice della serata Rossella Galati. «La grande musica ha trovato nella Summer Arena la giusta collocazione, in Calabria- ha affermato-. Queste operazioni si possono fare, bisogna solo avere il coraggio di farle». Fedez e J-Ax, hanno infiammato tutti i presenti  fin dalle prime note: dopo aver ricevuto gli omaggi del Cavalluccio marino, simbolo della Città jonica, e il Pitagora d’argento di Michele Affidato, i due rapper si sono alternati sul palco, in oltre due ore di rime e ritmo, accompagnati oltre che dalle loro formazioni consuete, da Vivian Grillo e dalla crew band delle Teste dure di J-Ax.

fedez
Dedicato a Stefano, un giovane soveratese recentemente scomparso, il concerto è stato aperto da Fedez che ha voluto ricordare i suoi esordi proprio a Soverato: «Ho iniziato qui e quasi nessuno lo sa, era da un sacco di anni che non ci tornavo», ha detto prima di gettarsi nella scaletta con “Generazione boh”, “Pensavo fosse amore e invece”, “Olivia Oil”, “Non c’è due senza trash”, “Alfonso Signorini”, “Faccio brutto”, “Ti porto con me”. Non sono mancati, tra gli altri, i brani delle celebri collaborazioni come “L’amore eternit” con Noemi, “Magnifico” e “Cigno nero” con Francesca Michielin, “Beautiful disaster” con Mika. Quindi è stato il turno di “Vorrei ma non posto” che ha segnato il passaggio del testimone con J-Ax. Quest’ultimo ha preferito cominciare la sua parte di concerto sulle note della Calabrisella, a breve trasformate in “rap n’roll” e, tra le altre, “Sopra la media”, “Miss & Mr. Hyde”, “Spirale ovale”, “Domani smetto”, “Meglio prima”, “L’uomo col cappello”, “Il bello d’esser brutti”, “Uno di quei giorni”, “The pub song”, “+ Stile” e la stessa “Rap n’ roll”.

jax

J-Ax ha riservato i suoi due brani più conosciuti, “Ohi Maria” e “Maria Salvador”, per il finale di serata, quando pubblico è sceso in parte dalle tribune fin sotto il palco. Ovviamente il concerto si è concluso con il ritorno sul palco di Fedez e sulle note di “Vorrei ma non posto”. «Ci avete trasmesso tanto, questa sera. E’ proprio una bella festa e ci stiamo divertendo insieme», ha detto J-Ax, prima di raccontare: «Visto che ci piace fare cose diverse, ci siamo detti: Facciamo una data in Calabria, perché sempre Roma o Milano?». E poi l’annuncio: «Ritorneremo per la tournée del prossimo anno, ne siamo sicuri. Lo show lo faremo insieme con tutti i brani nuovi. Grazie per averci fatto sentire a casa in una terra fantastica, incredibile». E poi i saluti conclusivi: «E’ stato una bomba» di Fedez e «Nel mio cuore, nel mio cuore» di J-Ax.

summer arena