Rende, finalmente pronto il primo Asilo Nido Comunale

L’Assessore Alla Pubblica Istruzione Rendese Arch. Ida Bozzo spiega in un comunicato i termini di ammissione dei neonati che vanno da tre mesi fino ai tre anni.

 

RENDE (CS) – “Al momento la nuova struttura è riservata solo ai bimbi Rendesi – esordisce la Bozzo – ma ben presto potrebbe accogliere anche quelli dei Comuni a noi vicini”. Il primo Asilo Nido Comunale della Città di Rende nasce con l’obiettivo di aiutare le donne a ritrovare la propria dimensione dopo la maternità e a conciliare il tempo a casa con quello sul lavoro. Il Peter Pan, così si chiamerà la Scuola Nido, si propone di diventare una vera isola felice, che riesca a proteggere l’infanzia e a promuovere percorsi di crescita attraverso le più nuove metodologie educative. “Abbiamo voluto ascoltare la voce delle donne, le quali ancora troppo spesso vengono trascurate – precisa l’Assessore Bozzo – in Italia il tasso di natalità è in continua diminuzione. Le indagine statistiche rivelano un calo drastico dei matrimoni ed una conseguente riduzione delle nascite.

 

Una delle motivazioni per cui le italiane scelgono di non fare figli o comunque di ritardare di molto la nascita del primogenito è legata alle condizioni lavorative, spesso precarie. Inutile precisare che seppure ci siano delle forme di tutela per le mamme lavoratrici, molto spesso queste non vengano ottemperate. Nella nostra terra poi – continua l’Architetto Rendese – ci sono ancora molte donne assunte senza regolare contratto e dunque completamente in balia dei datori di lavoro. Le donne che decidono di diventare mamme dunque,  si trovano costrette a scegliere, ma a volte il lavoro rappresenta una necessità e non un modo per staccare dalla routine casalinga.

 

Con il secondo riparto dei Fondi Ministeriali PAC abbiamo dato vita al primo nido comunale, che ospiterà bambini dai tre mesi ai tre anni di vita. I genitori interessati potranno presentare domanda entro la fine di giugno, qualora rimangano posti vacanti si prorogherà la data di scadenza del bando. I genitori interessati potranno presentare domanda entro la fine di giugno, qualora rimangano posti vacanti si prorogherà la data di scadenza del bando. Avranno precedenza i bambini residenti sul territorio rendese. I posti non sono illimitati, pertanto avranno priorità le famiglie che versano in condizioni di precarietà economica – spiega l’Assessore Comunale con delega alla Pubblica Istruzione Arch. Ida Bozzo – “.

 

Un progetto, quello del Nido Comunale, in cui l’Assessore Bozzo e l’Amministrazione tutta ha creduto fortemente, ” da mamma e donna non potevo che destinare i fondi alla realizzazione di ”quest’isola che non c’era”, un grande aiuto per le nostre mamme Rendesi, che potranno finalmente riappropriarsi della propria condizione di donna e di lavoratrice, godendosi solo il bello della genitorialità “.