Coronavirus, attiva la task force e medici di base di Cosenza operativi

Nonostante l’Asp di Cosenza non abbia una guida manageriale, è stata attivata la task force per garantire tutti gli interventi attualmente ed eventualmente necessari nel caso di una possibile diffusione del virus

 

RENDE – E’ alto il livello di allerta in Italia e di conseguenza anche in Calabria sull’epidemia da CoV19. Oggi i medici di base, insieme al presidente dell’ordine dei medici di Cosenza Eugenio Corcione hanno partecipato ad una tavola rotonda convocata ad hoc nell’ambito del convegno medico scientifico promosso dal dott. Mario Marino Direttore dell’Unità Operativa Igiene Pubblica e Medicina Preventiva per parlare di vaccini e malattie infettive. Da oggi infatti, secondo quanto disposto dal ministero della Salute, per chiunque torni dalle zone del lodigiano e padovano, considerate “aree a rischio negli ultimi 14 giorni”, è in vigore “la sorveglianza attiva con permanenza domiciliare fiduciaria”, con “obbligo di segnalazione da parte del soggetto interessato alle autorità sanitarie locali”. Disposizioni immediatamente attivate anche a Cosenza, come riferisce il dottor Mario Marino coordinatore della task force per garantire tutti gli interventi attualmente ed eventualmente necessari nel caso di una possibile diffusione del virus. La task force, ha messo in atto la “Procedura per la gestione di caso sospetto di infezione da Coronavirus2019-NCOV“, che contiene l’insieme di istruzioni e raccomandazioni operative destinate agli operatori coinvolti nella gestione dei casi eventuali sul territorio regionale.

«Non ci sono casi clinici o manifesti della malattia – ha spiegato Marino – in questo momento in provincia e in Calabria, ma non dobbiamo sottovalutare il problema e infatti l’isolamento fiduciario e il triage telefonico sono le iniziative attive e messe in campo, nonostante l’Asp cosentina sia priva di management. Siamo a conoscenza di una scolaresca in gita che dovrebbe rientrare e siamo già in contatto con il preside per prendere tutte le iniziative precauzionali possibili. Di certo, – ha poi aggiunto il coordinatore della task force – chiunque è stato nelle zone colpite dal contagio deve chiamarci e insieme avvieremo i controlli». Il numero da contattare è 0984.8933572 oppure 392 8020684.

I medici di base, però, contestano la totale mancanza di presidi contro il rischio di contagio ovvero di mascherine e tute di protezione. Per questo la task force invierà  una richiesta di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari, perché “solo guanti e mascherine – ha chiarito Marino – non bastano, ma considerata la situazione in cui versa l’Asp cosentina, attualmente senza guida manageriale, non sappiamo quando ci daranno risposta, ma continueremo ad agire per tutelare i cittadini”. Lunedì alle 11 ci sarà un incontro tra operatori sanitari del 118, i medici dei reparti maggiormente interessati dell’Azienda ospedaliera e i responsabili della task force per dare operatività ad un percorso condiviso.