ASCOLTA RLB LIVE
Search

Inquinamento a Rende, studenti universitari: «Verità sull’aria che respiriamo»

Petizione per far chiarezza sulle esalazioni maleodoranti che avvolgono la città

 

RENDE (CS) – «Siamo Rinnovamento è Futuro, un movimento studentesco operante nell’Università della Calabria e chiediamo verità sulla qualità dell’aria che respiriamo ogni giorno. Come giovani, calabresi e non, – si legge nel testo della petizione lanciata online su Change – siamo preoccupati per quello che si respira non solo nel nostro Campus ma anche in tutta l’area urbana. Quello che si percepisce è che l’aria possa essere contaminata da qualche agente dannoso e questo si evince dall’odore che si respira sempre più frequentemente e intensamente nell’area tra Arcavacata e Quattromiglia. Un odore acre e nauseabondo, che risulta spesso irritante per le vie respiratorie, avvolto da un alone di mistero che lascia presagire un vero e proprio disastro ecologico avente epicentro nella Zona Industriale di Rende. Dopo anni di silenzi e mezze verità, ci rivolgiamo al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, al Ministro della Salute Roberto Speranza, ai Sindaci delle Città di Rende e Cosenza Marcello Manna e Mario Occhiuto nonché al Presidente della Regione Calabria Gerardo Mario Oliverio per avere finalmente chiarezza sul presente e sul futuro di coloro i quali popoleranno l’Unical e questo territorio. Il silenzio assordante che caratterizza da sempre questo fenomeno deve essere rotto dal nostro impegno civico e sociale per amore della nostra Terra. Vi chiediamo di firmare questa petizione per far giungere il nostro urlo alle Istituzioni competenti per avere verità su questo fenomeno preoccupante».