ASCOLTA RLB LIVE
Search

Rende, assessore Artese incontra rappresentanti del CSV

Incontro tra l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Rende, il presidente del CSV Gianni Romeo e il direttore Mariacarla Coscarella, su agenda urbana e dei piani di zona

 

RENDE (CS) – “È necessario che ci sia un rapporto di condivisione maggiore nella programmazione e lo si può fare solo dando valore al terzo settore”. Sono le parole di Annamaria Artese assessore alle Politiche sociali del Comune di Rende che ha ricevuto stamane in assessorato il presidente del CSV Gianni Romeo insieme al direttore Mariacarla Coscarella. Durante l’incontro si è parlato dell’attuazione della nuova riforma, della agenda urbana e dei piani di zona: “Per il nostro comune -ha affermato a riguardo di questi ultimi l’assessore- sono in fase d’approvazione. Presto ci sarà la conferenza dei sindaci per tirare le somme di questo percorso. Rende è tra i comuni più virtuosi in materia essendo alla fine di un percorso che ci ha visti in prima linea sui temi sociali”.

La Artese ha sottolineato come: “il Centro di Volontariato e Servizi debba essere presente in tale fase perché è indubbia che l’azione di coordinamento svolta dall’ente sia indispensabile tra gli attori coinvolti”. Lo stesso Romeo ha infatti dichiarato: “il CSV fornisce al nostro territorio un servizio fondamentale quale quello di raccordo per il terzo settore, portavoce delle loro necessità e, rispettando le loro differenze, ne sostiene e supporta le loro attività. Per questo abbiamo in  programma di prendere contatti con tutti i distretti per promuovere la costituzione dei piani di zona e Rende deve essere modello da seguire”.

“Bisogna lavorare in sinergia nell’ambito della progettazione sociale e mettere a sistema i bisogni di un ambito territoriale che necessita di interventi mirati e strutturali. La nostra città, ma soprattutto la nostra comunità ha bisogno di risposte e per darle è necessario istituire una programmazione in ambito locale che abbia chiari le priorità di intervento e gli obiettivi strategici nonché le modalità, i mezzi e le professionalità necessari per la realizzazione del sistema integrato in ambito sociale”.