ASCOLTA RLB LIVE
Search

Il cardiochirurgo Massetti dona un defibrillatore alla Città di Rende

Il 18 maggio prossimo sarà donato un defibrillatore alla Città dal cardiochirurgo di fama internazionale prof. Massimo Massetti

 

RENDE (CS) – Il 18 maggio prossimo alle 15.30, nella sala di Giunta nel Comune di Rende, si terrà la cerimonia di donazione alla Città di un defibrillatore di ultima generazione. La donazione avverrà dalle mani del prof. Massimo Massetti, direttore dell’Area Cardiovascolare e della Cardiochirurgia della Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma. Alla base dell’evento, la donazione volontaria del dott. Francesco Currò (dirigente Mediolanum), a fronte di un’iniziativa della dott.ssa Caterina Iorio, parte attiva sul territorio calabrese di progetti in campo socio sanitario e volontaria dell’associazione “Dona la vita con il cuore”, presidente della quale è lo stesso prof. Massetti.

Un gesto di grande umanità e attenzione alla salute verso l’intera collettività che sarà utile al Comune di Rende per dare slancio al progetto di Città cardioprotetta, con la consapevolezza di quanto possa essere importante la defibrillazione precoce sul territorio per prevenire la morte improvvisa da arresto cardiaco. Alla cerimonia di donazione saranno presenti il sindaco di Rende, Marcello Manna; la dottoressa Caterina Iorio insieme al prof. Massetti.

Massetti è un cardiochirurgo italiano, attuale direttore dell’Area Cardiovascolare e della Cardiochirurgia della Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma, titolare della Cattedra di Cardiochirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Al suo arrivo, ha promosso la strutturazione di percorsi per la terapia chirurgica delle cardiopatie congenite dell’adulto, delle valvulopatie (nascita della prima Heart Valve Clinic in Italia), dello scompenso cardiaco (nel Dicembre 2013 effettua il primo impianto al Policlinico Gemelli di un cuore artificiale) e programmi di terapia cardiovascolare ibrida chirurgica-interventistica (costruzione della prima sala operatoria ibrida del centro-sud Italia). È presidente della ONLUS “Dona la vita con il cuore”. Attualmente è in prima linea per una sperimentazione unica al mondo: l’impianto di un cuore artificiale parziale che si ricarica senza fili. Gli interventi ai due pazienti terminali si sono svolti in Kazakistan.

La particolarità del DAE Tecnoheart Plus è quella di essere dotato di selettore adulti e bambini, che permette di utilizzarlo senza la necessità di cambiare piastre. Il dispositivo è progettato per funzionare in conformità con la versione 2010 delle linee guida stabilite da AHA/ERC in merito alla Rianimazione Cardiopolmonare (CPR) e Trattamento dell’Emergenza Cardiovascolare (ECC).