ASCOLTA RLB LIVE
Search

I privati riaprono i cancelli ai camion, scongiurata l’emergenza rifiuti

Fino a lunedì 7 gennaio il servizio torna ad essere operativo. Per altri sei mesi la Regione Calabria affiancherà i Comuni nello stipulare i nuovi contratti con le società che si occupano della raccolta e smaltimento dei rifiuti

 

CATANZARO – Caos rifiuti, interviene la Regione Calabria. Ieri durante un incontro alla Cittadella regionale di Germaneto tra i funzionari del Dipartimento Ambiente, i rappresentanti dei Comuni suddivisi in 5 Ato (corrispondenti al territorio di ogni provincia) e i privati che gestiscono discariche e impianti è stata scongiurata una nuova emergenza. Il subentro da parte dei Comuni nei contratti con i gestori del servizio, che fino al 31 dicembre veniva amministrato dalla Regione Calabria, è stato prorogato. Le amministrazioni comunali hanno sei mesi di tempo per recepire la legge regionale 14/2014 in cui è previsto che ogni Comune si occupi di smaltire la propria spazzatura e di coprirne i relativi costi a partire dal 1 gennaio 2019. Contratti che però dovranno essere stipulati, secondo quanto deciso ieri, entro il 30 gennaio. Per ora in attesa che il Consiglio regionale si pronunci, votando una legge che proroghi l’applicazione della 14/2014 e inserisca in bilancio i fondi per coprire le spese della gestione dei rifiuti in questo periodo, i privati titolari di discariche e di impianti di smaltimento accoglieranno la spazzatura proveniente dai diversi Comuni. Almeno fino a lunedì quando vi sarĂ  un nuovo incontro per delineare gli aspetti tecnico amministrativi della proroga al subentro.

 

LEGGI ANCHE

Calabra Maceri chiude i cancelli, in strada i rifiuti indifferenziati dell’intera provincia di Cosenza