ASCOLTA RLB LIVE
Search

Mensa negata ai bimbi di Rende in ‘debito’, interviene il Garante per l’Infanzia

Appello affinché venga non vengano lesi “i diritti dei minori garantendo la mensa anche ai bambini indigenti”

 

CATANZARO – “Se, quanto dichiarato dalla segreteria provinciale Flc Cgil di Cosenza risponde alla realta’ dei fatti, ci troviamo al cospetto di una lesione fondamentale ai diritti dei minori, che non puo’ avere cittadinanza in un paese ratificatore della Dichiarazione Universale Onu sui Diritti del Fanciullo”. E’ quanto dichiara il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, nell’apprendere che la ditta che gestisce il servizio mensa per i bambini che nelle scuole elementari di Rende effettuano il tempo pieno, la Siarc, ha deciso di sospendere l’erogazione dei pasti per una ventina di bambini le cui famiglie risultano debitrici verso la ditta. “Se poi tra queste famiglie ve ne sono anche a reddito zero, dunque nient’affatto debitorie, perche’ esenti dall’obbligo di pagare – continua Marziale – allora il tutto assume contorni legali, oltre che sociali, di portata gravissima. Chiedero’ agli attori implicati nella vicenda, ossia Flc Cgil, amministrazione comunale di Rende e ditta appaltatrice del servizio mensa una relazione dettagliata al fine di vagliare i fatti ed eventualmente adire all’autorita’ giudiziaria. Negare il pasto ad un bambino indigente – prosegue – offende la dignita’ di un soggetto di diritto tutelato a livello internazionale da una Dichiarazione che troppi amministratori, pubblici e privati, non conoscono e di conseguenza non rispettano, incorrendo sovente in azioni da stigmatizzare socialmente, ma soprattutto in reati da accertare e perseguire”.

 

LEGGI ANCHE

Bimbi ‘debitori’ senza pasti a Rende, umiliati per garantire i profitti del privato

 

 

Bimbi di Rende in ‘debito’ con la mensa da domani senza pasti

 

 

Rende, bimbi ‘morosi’ rischiano di rimanere senza pasti nelle mense delle scuole