ASCOLTA RLB LIVE
Search

Festeggiamenti nella chiesa della Patrona di Rende dopo oltre trenta anni (FOTO/VIDEO)

Il sindaco Marcello Manna ha consegnato le chiavi della città all’Immacolata Concezione che protesse i rendesi dal terremoto del 1980

 

RENDE (CS) – La chiesa di San Francesco D’Assisi festeggia l’Immacolata Concezione. A distanza di oltre 30 anni per la prima volta, la ricorrenza è stata celebrata nella parrocchia (eretta nel 1533) che ospita la statua della Patrona di Rende. Completati i lavori è stata inaugurata ad ottobre dopo la ristrutturazione che ha interessato anche l’annesso convento dei Frati Minori. Il colpo d’occhio è notevole. Dentro i cittadini, in religioso silenzio, aspettano l’arrivo del sindaco di Rende Marcello Manna e dell’Arcivescovo, Mons. Francesco Nolè. I festeggiamenti, contrariamente agli alti anni si sono tenuti alla sera.

 

L’amministrazione Manna rompe la tradizione della messa al mattino perché il 20 febbraio 2018 ci sono tante novità interessanti per tutta la comunità rendese. Dopo anni, infatti, si è riusciti di nuovo a riportare al centro storico tutti i parroci di Rende che hanno concelebrato la messa insieme all’arcivescovo Nolè e, prima della messa, lo stesso sindaco di Rende, con la fascia tricolore, ha consegnato la chiave della città alla Madonna. Un gesto importante, un simbolo che resta, la chiave della casa di una città devota da quel giorno che ha messo tanta paura, dal giorno del terremoto.

 

 

Era il 20 febbraio del 1980. Una scossa molto forte, ma senza nessun crollo importante, senza feriti e vittime. In nome del popolo rendese, davanti la statua della Madonna, circondato da tutti i preti della città e dal vescovo Nolè, il sindaco di Rende pronuncia l’atto di affidamento. La voce è rotta da un filo di emozione: “Ti consegniamo le chiavi della nostra città perché venga sempre da te custodita, chiudi le porte ai nostri nemici, visibili e invisibili, e aprile a quanti vogliono il bene del nostro popolo”. L’applauso della gente di Rende. La pioggia non ha consentito la tradizionale processione, ma alla fine della messa il rituale si è svolto dentro la chiesa. Sarà un 20 febbraio ricordato dalla comunità rendese. La chiave della città donata alla Madonna è rassicurante. Tra preghiere e canti termina una giornata storica. Una giornata da non dimenticare.

 

LEGGI ANCHE

Riapre dopo 30 anni la Chiesa di S.Francesco D’Assisi nel centro storico di Rende (FOTO)