ASCOLTA RLB LIVE
Search

L’Ora della Calabria occupata, l’Ordine dei giornalisti si dice perplesso

RENDE – Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, in un ordine del giorno, “esprime forte, piena ed ampia solidarietà ai colleghi de l’Ora della Calabria, duramente impegnati da giorni in una battaglia a difesa del posto di lavoro e della libertà di stampa”.

“Le vicende verificatesi nel giornale calabrese – riporta il testo – iniziate con la chiusura della testata e l’oscuramento del sito internet, destano stupore e perplessità. Il tentativo di bloccare la notizia del coinvolgimento del figlio di un senatore mediante il blocco della rotativa e la successiva impossibilità da parte dei giornalisti di accedere alle procedure per la gara di aggiudicazione della testata appaiono chiari ostacoli alla pluralità di informazione e minaccia alla libera circolazione delle idee”. Nell’ordine del giorno si evidenzia inoltre che l’organismo “ripone grande fiducia nelle indagini della magistratura ed auspica una rapida conclusione della vicenda per tutelare la dignità ai lavoratori costretti ad occupare due redazioni per far sentire la loro voce”.