neve-metropolis

Studenti costretti a seguire le lezioni al gelo chiedono incontro con il presidente della Provincia di Cosenza

Lastre di ghiaccio in alcune aule degli istituti in provincia di Cosenza. A Rende garantita l’accensione degli impianti di riscaldamento.

 

COSENZA – Dal 9 Gennaio, al ritorno dalle vacanze, gli studenti di Cosenza e Provincia hanno trovato i loro istituti completamente al gelo e la situazione nei giorni successivi non è migliorata, nonostante per legge la temperatura minima nelle scuole dovrebbe essere di 20 gradi. Sono molti gli esempi delle scuole che non hanno potuto svolgere regolarmente le lezioni in questi giorni, fra cui i casi più eclatanti sono: l’Istituto Industriale Monaco di Cosenza, in cui sono state interrotte le lezioni Lunedì a causa della mancanza dell’acqua con gli studenti costretti a tornare a casa dopo le 11.00; il Liceo Scientifico “Guarasci” di Rogliano, dove anche qui gli studenti sono stati costretti ad interrompere le lezioni perché i riscaldamenti non funzionavano a causa della caldaia completamente ghiacciata. Inoltre proteste anche a Rossano e a San Giovanni in Fiore dove, in diverse scuole di questo paese, gli studenti hanno trovato addirittura pezzi di ghiaccio nelle classi.

 

“Il freddo nelle aule mina fortemente il diritto allo studio e la salute degli studenti – afferma Mattia Greco, presidente della Consulta Provinciale degli studenti – preso atto delle varie testimonianze degli studenti e del disinteresse generale della Provincia, che dovrebbe occuparsi appunto di questo, chiediamo come Rappresentanti d’Istituto e della Consulta un incontro in questi giorni con la Provincia e le istituzioni per far sentire la nostra voce e chiedere un intervento immediato nelle scuole colpite dal gelo di questi giorni. Rivendichiamo maggiori investimenti da parte della Provincia per quanto riguarda l’edilizia scolastica. Molte scuole costruite prima degli anni ’90 presentano diversi problemi strutturali, venuti a galla proprio in questi giorni. Siamo pronti a far sentire la nostra voce e a scendere in piazza nel caso in cui non venissimo ascoltati”.

 

Intanto da Oltretorrente si comunica che domani le scuole di Rende torneranno ad essere aperte. Questa è la decisione presa dal sindaco di Rende Marcello Manna. Una chiusura doverosa quella di ieri, anche perché, questa mattina Rende e tutta la provincia di Cosenza si è risvegliata con tanta neve. Il sindaco di Rende, prima di prendere ogni decisione, ha voluto sentire il parere delle dirigenti scolastiche degli istituti di Rende. E ,solo dopo questa consultazione, si è deciso per l’apertura. Un contatto che va avanti fin dalla giornata di lunedi ed è proprio in quella giornata che il sindaco ha avuto rassicurazioni sul funzionamento dei riscaldamenti. Ma in ogni caso l’Amministrazione Comunale tiene a sottolineare che proprio da lunedì non sono mai sai spenti i riscaldamenti in tutte le scuole di Rende. Per domani, con la decisione di lasciare accesi i riscaldamenti in pratica per due giorni di continuo, la situazione dovrebbe ritornare alla sua totale normalità. E poi ancora l’Amministrazione Comunale ricorda che c’è un monitoraggio continuo da parte dei tecnici comunali nelle stesse scuole e ,anche nella giornata di domani, la loro reperibilità ,per ogni tipo di problema da risolvere, è garantita. La Rende Servizi ha assicurato per domani la pulizia davanti agli istituti scolastici e sulle strade.

 

LEGGI ANCHE

FOTONOTIZIA – Cosenza al freddo, studenti in classe sotto le coperte